CONSULTARE DAL BASSO VERSO L'ALTO

sabato 3.12.2016 21:36:21
leonoris: Zigulì alle bacche di goji, no grazie so da froji.
Zigulì all'amarena, grossa pacca sulla schiena.
Zigulì al buon pandoro, co sto sito sicuro me moro.
Zigulì al panettone, daje siempre zì Fabbione.

martedì 30.8.2016 13:58:43
COSEBELLE DAL WEB #43:


Il sito più laconico e 1.0 del web di TOMMASO LABRANCA.

UNAMANOLAVALALTRA porge l’ultimo saluto a uno dei più acuti e intelligenti uomini del nostro tempo, il cui solo titolo geniale di un suo libro,
CHALTRON HESCON, ha spiegato più di mille parole la cialtroneria espansa radicata in ognuno di noi.






venerdì 3.6.2016 16:53:00
COSEBELLE DAL WEB #42:

UNAMANOLAVALALTRA E PHANTAPHILM GROUP S'IDENTIFICANO PIENAMENTE CON QUANTO ILLUSTRATO DAL POETA ZEROCALCARE.





mercoledì 2.12.2015 21:22:08
COSEBELLE DAL WEB #41:


Amerigo Verardi. Musicletter.it







giovedì 21.5.2015 21:14:24
Fatturato mondiale del mercato discografico, ad oggi:


FONTE: IFPI, Digital Music Report 2015.






martedì 7.4.2015 20:55:33
COSEBELLE DAL WEB #40:


Morelli's Movie Guide. Di Filippo Morelli.






domenica 11.1.2015 17:52:03
COSEBELLE DAL WEB #39:


Il Pozzo di Cabal, di Luca Castelli.






sabato 2.8.2014 16:01:53
COSEBELLE DAL WEB #38:


da Ciclofrenia.it: Guerra d’indipendenza di Roma Nord [26 novembre - 4 dicembre 2016].
Di Mr Tambourine (Claudio Delicato).







venerdì 23.5.2014 8:09:44
COSEBELLE DAL WEB #37:


STILLE DI VERITÀ SULL’ODIERNO CINEMA HORROR, DISCIOLTE NELL’INTRUGLIO DI UN FILMACCIO CONTEMPORANEO.

da I 400 Calci (rivista di Cinema da Combattimento): Nurse 3D, di Luotto Preminger.







lunedì 7.4.2014 14:32:51
Fabbione in Dottor Kurando:
Cara Elvira.
Grazie per la tua proposta, ne apprezzo il gesto.
Ne beccassi una quarantina come te, riuscirei a digitalizzare in poco più di una settimana tutto il world wide web!
I materiali di Cuore calcistici e la scoperta dell'America dovrei conservarli anch'io da qualche parte.
Per ora si procede lenti ma inesorabili con i numeri 'ufficiali' di Cuore, mettendo a disposizione più materiale possibile, prima che la mia vita si consumi come una candela di sego.
Poi tenterei di mettere online qualsiasi altra robetta riguardante Cuore.
E in quel caso potresti servirmi tu. Dunque ne terrò conto.
Grazie duemila.

Fabbione.

sabato 5.4.2014 23:00:33
Elvira: Salve! Ho trovato la vostra pagina sull'archivio di Cuore e...mi sono commossa! Grazie per avermi permesso di ritrovare pagine meravigliose che hanno forgiato la mia adolescenza.
Io conservo la storia della scoperta dell'America di Cristoforo Colombo disegnata da Altan per Cuore e alcuni numeri di Cuore Mundial '90, potrei inviarvele formato immagine pagina per pagina come avete fatto voi con i numeri di Cuore con grande pazienza e generosità.
Fatemi sapere.
Grazie ancora.
Elvira

sabato 14.12.2013 10:48:32
Anniversary:

Unamanolavalaltra festeggia i primi 10 anni di vita della Morelli's Movie Guide.






domenica 6.10.2013 14:25:16
COSEBELLE DAL WEB #36:


NON SEQUITUR, di San Cane (Panzer Division Gamera).




mercoledì 2.10.2013 20:19:12
Unamanolavalaltra saluta il Misfatto:


Il Misfatto, inserto satirico domenicale de Il Fatto Quotidiano,
nasce il 21 febbraio 2010 e muore il 29 settembre 2013.




giovedì 26.9.2013 13:50:44
COSEBELLE DAL WEB #35::

UNA PER IL SETTANTESIMO DI MICK JAGGER, di KEKKO.

http://bastonate.wordpress.com/





mercoledì 28.8.2013 15:33:20
COSEBELLE DAL WEB (e dal cartaceo) #34:

ELEGIA DI UN ALGORITMO. IL DECLINO DELL'MP3, di Stefano Solventi.





venerdì 2.8.2013 12:24:54
COSEBELLE DAL WEB #33:


aciribiceci.com

URANIA ERA MOLTO MEGLIO DEL CAMIONCINO, di Mario Fillioley.





sabato 15.6.2013 8:08:38
COSEBELLE DAL WEB #32:


DARE E AVERE, di SERGIO MESSINA.
Dalla rubrica BANDA LARGA (RUMORE).




lunedì 13.5.2013 22:31:52
COSEBELLE DAL WEB #31:


VOLANTINO D'ISTRUZIONI SUL DESTINO DELLA PASTA MADRE.

http://www.pastamadre.net




venerdì 3.5.2013 23:40:08
International Day Against DRM:


Unamanolavalaltra ricorda che il 3 Maggio 2013 si è svolta
la Giornata Internazionale contro i DRM.







martedì 19.3.2013 19:45:57
Fabbione in PLEASE SHARE THIS FILM ONLINE:





martedì 5.2.2013 18:37:07
COSEBELLE DAL WEB #30:

La scrittura im(mediata). Di Gian Paolo Serino.





lunedì 28.1.2013 21:29:00
COSEBELLE DAL WEB #29:

LUNEUR PARK.
Tributo al vecchio Luneur di Roma e alle sue attrazioni storiche. Di Carla Felli.







giovedì 17.1.2013 19:42:27
COSEBELLE DAL WEB #28:

Luttazzi, il solo reietto nel paese del perdono. Di Andrea Scanzi.




domenica 4.11.2012 10:51:43
COSEBELLE DAL WEB #27:


Diario di un apparecchio.




oggi 26.10.2012 8:14:23
Fabbione: Cara Dona, mi spiace per la tua disavventura madrilena.
Mi auguro nel frattempo avrai risolto la faccenda nel migliore dei modi.
Io non ho molti argomenti da avanzare, anche perché quando avevo da decidere se aprire un consolato all'estero o uno spazio web puzzone, ho decisamente scelto la seconda alternativa; più facile da gestire e zero burocrazia comunicativa con gli anonimi navigatori.
L'unica certezza che mi sento in dovere di esprimere, è che ogni lavoro necessita di tutta un'umanità per venire alimentato e sostenuto.
E quando si parla di umanità si deve necessariamente parlare di botta di culo.
Che ci si rivolga al medico, al negoziante di fiducia, all'idraulico o al tizio delle pompe funebri, non fa alcuna differenza.
Nelle rigide policy dei consolati, degli enti pubblici o delle aziende c'è sempre da sperare d'imbattersi in persone pratiche dall'animo sereno e compassionevole.
Non ci sono altre vie.
Altrimenti sono dolori di pancia, come ci dimostra l'esperienza quotidiana.
Bellecose.

giovedì 25.10.2012 13:18:13
dona: Le scrivo questa mail perché sono giorni che m'interrogo sull'utilità dei consolati all'estero, ma non riesco ancora a trovare una risposta di senso compiuto.
Tutto parte dalla mia disavventura madrilena dello scorso weekend, dove, appena arrivata, ho ricevuto un inusuale (per me che sono andata ripetutamente) benvenuto madrileno: mi sottraggono il portafogli in metropolitana, non ho più soldi, né documenti, né carte di credito. Sono il signor Nessuno in questa terra di indignados.
Raggiungo l'albergo, per fortuna pagato (anche questo insusualmente) in anticipo e chiamo il consolato. Bene, resto dieci minuti al telefono in un soliloquio con la voce registrata, che a tratti mi esterna cose esilaranti, del tipo "Vi hanno rubato i soldi? Rivolgetevi ai vostri familiari in Italia"... davvero utile come informazione, devo ammettere! Al termine di una pesantisisma e banalissima elencazione dei preziosi consigli, emerge un numero di cellulare da contattare in caso di emergenza.
Contatto il prezioso numero e spiego al funzionario che mi risponde la mia situazione. La risposta serafica è che non possono produrmi un duplicato del documento fino a lunedì mattina, perché il consolato chiude dal venerdì alla domenica. Giustamente, gli italiani vanno in giro a fare i turisti dal lunedì al venerdì, che stupida a non averci pensato prima.
Molto pacatamente le rispondo che ho l'aereo domenica e altrettanto gentilmente mi risponde che non può fare nulla, assicurandomi però che, volando con Easy Jet, mi faranno passare con la sola denuncia della polizia spagnola. Aggiunge che se fosse stata la Ryan Air non sarei riuscita a passare e avrei dovuto aspettare lunedì. Ma guarda quanto sono fortunata, ho pensato tra me. Le dico che, per maggiore sicurezza, vorrei chiamare l'Easy Jet, ma mi consiglia di non mettere troppa carne al fuoco... mah... al fuoco di cosa? Allora le chiedo per cortesia un duplicato del mio documento, mi risponde di passare lunedì. Ancora una volta gli dico che non ho nemmeno più un euro e il mio volo è domenica. Ancora una volta, mi risponde che purtroppo è chiuso e che per i soldi posso rivolgermi ai miei familiari. Fine del sostegno consolare.
Giro a Lei la domanda che mi rimugina nella mente da quando sono tornata: l'utilità dei consolati italiani all'estero?
Sicuramente Lei saprà dare una risposta più civile e garbata di quelle che mi girano nella testa da un po' di giorni.

lunedì 2.7.2012 20:09:47
Dottor Kurando & Panzer Division Gamera presentano:



LEGGI IL ROMANZO TELEMATICO PIU' SCORRETTO DEL WEB!

mercoledì 20.6.2012 22:46:13
unamanolavalaltra presenta:

Prossimamente su tutti i monitor...



In passato fu una strega. Oggi è un forumista...

mercoledì 11.4.2012 18:22:57
COSEBELLE DAL WEB #26:

Sesso, droga e armi. L'altra faccia cattiva del web. Di Riccardo Luna.


venerdì 21.10.2011 19:00:12
COSEBELLE DAL WEB #25:

Manifestazione di Roma del 15 Ottobre 2011.
Di Urbano Grandier (anche conosciuto come Dottor Gonzo, Erre-i, Castoro).


venerdì 9.9.2011 18:59:21
COSEBELLE DAL WEB #24:

Mister QUALCOSA. Re incontrastato dello Scorrect online.


giovedì 21.7.2011 13:03:55
unamano: Dany bellecose, comprendiamo il tuo furore mai placato. Ma l'unica rivoluzione che riteniamo possibile è quella dentro le nostre capocce, ognuno a modo suo, coi suoi mezzi e i suoi tempi.
Inoltre noi non siamo tatuati, ma sosteniamo chi lo è, presentandoci a lavoro in perenne manica corta, pure quando fa freddo. Per il resto, fanculo a tutti quelli che non ci sconfinferano, come sempre.
Stacci benissimo.

mercoledì 20.7.2011 20:48:00
dany: vi ho trovato casualmente e ne sono lieta, lietissima,
liettttttttaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!
da 44enne eterna ragazza non disposta ad accettare i perbenismi degli upper
class, tatuata che TUTTI I GIORNI DEVE SPIEGARE IL COME PERCHE' E QUANDO (e
perenne manica lunga al lavoro), operaia anche se impiegata con stipendio da
fame (grazie agli dei che anche se poco c'è), che vorrebbe un sana e vera
rivoluzione come si auspicava Monicelli... E CHE SOPRATTUTTO SI E' ROTTA I
COGLIONI DI TUTTA STA MERDA CHE CI CIRCONDA... accettate i miei sinceri e
dal profondo del CUORE very compliments!!!!!
cheers!!!!

sabato 25.6.2011 14:41:03
umanamo: Non puoi, caro Adolfo.
Questo luogo è il trionfo dell'anacronismo virtuale, il tripudio della programmazione HTML casereccia, lo stucco che attoppa ogni spiffero di vento innovatore.
Lo schema emozionale del navigatore moderno nei confronti di unamanolavalaltra è il medesimo da anni: visita due pagine, si fa un'idea, cerca l'ausilio dei comodi servizi del web 2.0, ma non trovandoli s'indigna a morte per l'assurdità della cosa e uscendo dal vetusto sito sbatte forte la porta. O la lascia spalancata, dipende dall'arrabbiatura.
Nelle teche dei nostri archivi segreti dove conserviamo i grafici e i metadati, tu fai parte della categoria dei navigatori che una volta usciti dal web, chiudono l'uscio con garbo e ripongono le chiavi sul chiodino affisso al muro. E questa è una buona cosa.
Bellecose e grazie per aver lasciato un segno.

giovedì 23.6.2011 23:01:19
adolfo3210: Come posso ricevere i vostri feeds su "iGoogle" o leggervi su "Twitter" e "Facebook"???


domenica 12.6.2011 2:35:33
COSEBELLE DAL WEB #23:

Starcrash, brutto era e brutto è rimasto.
Qualcuno doveva dirglielo. Di Roberto Recchioni.



giovedì 19.5.2011 17:01:01
COSEBELLE DAL WEB #22:

Camminiamo per guardare il mondo in maniera diversa, di WU MING 2.



lunedì 16.5.2011 18:24:11
COSEBELLE DAL WEB #21:

Unamano apprezza ed accoglie la briosa ironia di Simona Siri, ma ha il dovere quasi marziale
di spezzare una lancia a favore del vecchio Johnny in occasione del super cult Paura e delirio a Las Vegas.



domenica 1.5.2011 16:14:42
COSEBELLE DAL WEB #20:

da I 400 Calci (rivista di Cinema da Combattimento): RUBBER, di Luotto Preminger.



sabato 16.4.2011 18:51:23
COSEBELLE DAL WEB #19:

Vocabolario virtuale Treccani.



venerdì 25.3.2011 13:19:11
COSEBELLE DAL WEB #18:

Franzen-Piperno e il pubblico impaziente,
di Elena Stancanelli.



domenica 9.1.2011 20:16:17
COSEBELLE DAL WEB #17:

ComedySubs.
Rampa di lancio per proiettarsi verso orizzonti dove la Satira è viva e vegeta.



mercoledì 10.11.2010 23:03:21
COSEBELLE DAL WEB #16:

tumblr.
If we don't, remember me.
http://iwdrm.tumblr.com/






"Look, there's two women fucking a polar bear! ...
Don't tell me these things. Not now man."


Fear and Loathing in Las Vegas (1998)



"What do you do for recreation? … Oh, the usual. I bowl. Drive around.
The occasional acid flashback."


The Big Lebowski (1998)

lunedì 1.11.2010 19:13:32
COSEBELLE DAL WEB #15:

Gli Editoriali di
BLACKMAILMAG.



domenica 24.10.2010 21:48:16
COSEBELLE DAL WEB #14:

GASPAR TORRIERO GONE VERBOSE.
It's More complicated Than That!
(bonus: Antonio Tombolini).



venerdì 13.8.2010 15:34:02
COSEBELLE DAL WEB #13:

IL DISINFORMATICO, di Paolo Attivissimo.
L'origine del QWERTY fra miti e fatti.



sabato 31.7.2010 19:15:45
SCONFITTE DEL CARTACEO:

REMAINDERS.
Roma, 1965 - 2010.


Chiuso per crisi libraria cronica in Italia,
per l'egemonia dei megastore online e per le prime avvisaglie di successo dell'e-book.

In ricordo del punto vendita romano e i suoi ampi scaffali odorosi di carta datata.
E in ricordo del sito web dall'impaginazione e i colori amabilmente retrò.




domenica 6.6.2010 22:41:39
La Nueva Guatemala de la Asunción (31 maggio 2010):

La tana del bruco nella mela marcia chiamata Terra.



lunedì 17.5.2010 20:53:29
COSEBELLE DAL WEB #12:

IL POST.
Com'è Bangkok quando non si spara, di Simona Siri.



lunedì 1.3.2010 20:53:29
COSEBELLE DAL WEB #11:

DISSAPORE. NIENTE DI SACRO TRANNE IL CIBO.
Dichiarazione d'amore per un piatto eticamente scorretto, di Fabrizio Scarpato.



sabato 30.1.2010 9:32:16
Feed RSS (Really Simple Syndication):

Unamanolavalaltra e la Blogosfera assegnano il
PREMIO UTILITA' INDISPENSABILE
all'icona più pratica ed efficiente degli ultimi tempi.




Feed RSS: un delitto per la Conoscenza non adoperarlo.

scarica video dimostrativo

domenica 17.1.2010 13:59:57
COSEBELLE DAL WEB #10:

MAMMA.
Se ci leggi è giornalismo. Se ci quereli è satira.



mercoledì 13.1.2010 16:18:04
COSEBELLE DAL WEB #09:

DEATH ROW - Il Braccio della Morte.
Blog cinematografico.



giovedì 17.12.2009 17:35:36
COSEBELLE DAL WEB #08:

LEONARDO.
Blogger dell'anno al Macchianera Blog Awards 2008.
Primo articolo che vara il passaggio dall'amatorialità al professionismo.



lunedì 9.11.2009 17:47:37
COSEBELLE DAL WEB #07:

A ciascuno la sua presa, di Inkiostro.



venerdì 2.10.2009 22:52:14
LUCIO VILLANI EDITORE:



domenica 26.7.2009 21:04:35
CINEMA BROADWAY (zona Centocelle, Roma):

UNAMANOLAVALALTRA STA DALLA PARTE DEI CINEMA DI PERIFERIA.



sabato 6.6.2009 9:06:41
COSEBELLE DAL WEB #06:

ES, di Gabriele Di Giuseppe (alias Castoro, alias Erre-i)



domenica 17.5.2009 15:56:12
COSEBELLE DAL WEB #05:

Un lunedì di tre anni fa, ore quattordici o giù di lì, esordiva nel web Filippo Ricca, nome di battaglia Fricca.



giovedì 14.5.2009 23:13:57
COSEBELLE DAL WEB #04 bis:

Sarkozy? Dàgli all'untore, di Paolo De Andreis.



giovedì 14.5.2009 19:05:13
COSEBELLE DAL WEB #04:

Le parole della Rete, di Paolo De Andreis.



giovedì 19.3.2009 22:02:59
Unamanolavalaltra consiglia:


DOMENICA 22 MARZO 2009. Ore 22.00.


Un nuovo devastante capitolo nella storia della fruizione iconoclasta del cinema.


PAGANINI HORROR

di Luigi Cozzi

ITA 1989, deiezione filmica, v. ita 82 min


Da domenica basta coi film a insulto nazional popolare.
Chi farà l'errore di dare fiato alla bocca senza fare ridere alcuno, sarà passibile di blastaggio e derisione.

---

MediaBazooko

Via Francesco Selmi 125 (Zona Casal de' Pazzi)

Cineclub, Media-Videoteca, Sala prove

Capolinea Metro B "Rebibbia"

http://www.myspace.com/mediabazooko

mercoledì 25.2.2009 23:24:21
Unamanolavalaltra presenta:





venerdì 2.1.2009 21:37:42
dall'ultima Collana VIAGGIO IN TERRITORIO BORGHESE E RITORNO:


Reportage musicale in chiave anonima.

di Lucio Villani (aka Lucho, aka El Baritonal).


Dunque come molte storie, questa comincia con una telefonata, nello specifico mi chiama A***, chitarrista degli Scaramanouche e personaggio quanto meno variegato dicendo "se sei libero questa sera c'e un lavoro da fare pagato medio" io che tutto sommato sono libero e ho costante bisogno di soldi accetto e via si va. A***, però, è un valente musicista ma tempo fa ha deciso di non avere più a che fare con il mondo esterno, quindi se prende accordi e contatti lui, puoi star sicuro che se collaborate insieme, al culo te la prenderai tu, per usare un garbato eufemismo, egli va nel panico ogni tre per due. Dai Donne!!!
Insomma per farla breve mi passa il numero dell' organizzatrice della festa, tale Signora C*** che io con grazia e savoir faire chiamo immantinente.
Telefono, la cortesissima Signora C*** mi racconta della cena organizzata all'ultimo momento a casa loro (quarto piano di palazzo Borghese, per intenderci centro storico a piazza Fontanella Borghese...) per gli ambasciatori italiani in Cina e i cinesi in Italia (esatto non sono solo a piazza Vittorio).
Dopo questo prologo la Signora che fino ad allora sembrava molto cortese, mi chiede, in maniera un po' pretenziosa, come ci vestiamo in generale per suonare e quella sera in particolare. Io diplomaticamente rispondo che gli smoking li inauguriamo in pieno inverno e la nostra divisa solita è una camicia da dopopranzo americano anni '40. Lei leggermente disorientata da questa mia svisata costumistica dice va bene, aggiungendo "sa mio marito fa parte del governo, abbiamo avuto musicisti altre volte, ma sembravano usciti dagli anni '60, dall'isola di WILDE".
Dunque già il fatto che il marito sia nel governo non mi sconfinfera esattamente, la cosa che mi manda in bestia è l'ignoranza della Signora che da adesso in poi ci divide come due gironi dell'inferno dantesco... L'isola di WILDE? Non sapevo che il celebre commediografo irlandese avesse un'isola, forse potremmo parlare dell'isola di Wight, ma alla fine sticazzi la telefonata si chiude con uno sfoggio esemplare di italiano diplomatico.

La sera.
La sera, dopo aver suonato in un teatro dove ci acclamano e sono tutti contenti, arriviamo a palazzo Borghese. Chi non sa nulla di questo palazzo e del suo giardino con anfiteatro è pregato di documentarsi.
A palazzo Borghese ci sono tre cortili, ogni cortile ha tre portieri diversi. Di fronte a palazzo Borghese c'è perennemente ferma una camionetta dei carabinieri, dentro palazzo Borghese c'è anche il circolo della caccia. Quasi tutto in palazzo Borghese lo pagamo noi, documentatevi pure su questo.
Quindi entriamo con la macchina nel cortile, il portiere ci dice di andare dall'altro portiere che ci manda il terzo portiere, addetto al parcheggio delle macchine, surreale.
A questo punto comincia la serata. Prendiamo l'ascensore (con divano interno) e saliamo al quarto piano, a casa dell'Onorevole C***.
Ci accoglie un cameriere con la faccia di uno che ne ha viste troppe e ci introduce alla Signora E***. Costei ci squadra come se fossimo due merde, soffermandosi sul cappotto di A*** (che effettivamente non sfoggiava un Versace ma comunque come cazzo ti permetti); insomma la Signora, dopo averci accolto in una casa enorme (un piano di palazzo Borghese è grande, oltre ai soffitti di 5 metri saranno state almeno 20 stanze molto grandi) e totalmente stuccata e affrescata, ci fa accomodare in un salottino dove intratterremo gli ospiti.

Il tono della conversazione della Signora è sempre "che carino il jazz, ma voi che lavoro fate... ah i musicisti, eh sì i miei tre figli vogliono essere musicisti ma chissà se ci riusciranno".
La situazione è ancora normale, un paio di cose sono leggermente inquietanti:
- La presenza universale di Berlusconi, ogni stanza, ha infatti almeno tre foto del carismatico Premier.
- Altre foto quanto meno surreali, in cui si evince il giro di amicizie dei coniugi C***, basti pensare a una foto con compleanno e taglio di torta di Scajola, pluriministro "vario".
- La presenza di domestici vecchio stampo, ovvero devoti alla signoria.

Mentre cominciamo a montare il nostro piccolo impianto e facciamo i suoni, passa la Signora e vedendo le sedie dei due chitarristi un po' troppo vicine al muro (secondo lei) ci dice (leggermente garrula) "EH ATTENTI CON LE SEDIE AGLI STUCCHI CHE SONO VERI SE NO QUI CROLLA TUTTO!".
A questo punto sta per arrivare il crollo verticale di stima ed entusiasmo, lasciando solo la professionalità che ci ha fatto suonare in posti anche più deliranti ma mai con questa volgarità circostante. Non conosciamo ancora il padrone di casa, ma nulla ci fa sperare in un miglioramento.
Il padrone di casa alla fine arriva e si scopre che anche lui ha strimpellato la chitarra in passato, quindi si fa portare da camerieri e altro una Fender e un amplificatore e anche un Cajon (percussione fatta a scatola, ci si siede sopra e si suona tipo tamburo).
Mentre noi cominciamo a suonare lui prova a venirci dietro, ovviamente andiamo noi dietro a lui e poverino, un tempo deve essere pure stato ben intenzionato, al momento spero renda meglio al governo. Ogni tanto passa la Signora moglie che dice "meno male che gli ho fatto questo regalo, non suona mai poverino, lo vedo sempre tanto stanco, lavora di continuo, ma lavora tanto, siete così carini insieme!".
Insomma a forza di carini de qua e carini de là arrivano gli invitati. TA-DAAAANNN.

Il mondo della diplomazia italiana in Cina, ovvero "benvenuti a SILICONIA", ovvero "scusi, sono un musicista come si fa a cambiare nazionalita?".

Arrivano gli invitati, età media almeno 50 ma ovviamente stavano meglio de me.
Uomini, ingiaccati e incravattati.
Donne, tailleur a tubo e tacchi di 15 centimetri, scarpe di vernice questo per tutte, parecchie altre avevano anche una discreta faccia rifatta dagli zigomi alle labbra a orecchini enormi che coprivano le cicatrici sotto le orecchie, lifting fatti a cazzo ma proprio a cazzo. Una era talmente gonfia che sembrava se fossero scordati i tamponi dentro e poi avessero richiuso.

Piccola parentesi di Baritono, ovvero poveri i soldi nostri, ma soprattutto poveri sogni nostri.
Ovvero a parte il fatto che je pagamo tutto noi, ma l'Italia è davvero rappresentata da questa gente? Ma de che stamo a parlà?

Infatti de che stamo a parlà? E soprattutto che stamo a sonà a fa? Ovvero noi siamo in questo salottino, mentre a destra e a sinistra folleggiano da noi non ce nessuno, ogni tanto il padrone di casa passa e strimpella una cosa e tocca anche andaje dietro (ma manco tanto, a un certo punto io non mi filo più nessuno) poi a un certo punto qualcuno ci porta tre bicchieri di spumante (devo dire che da questo punto di vista il padrone di casa era gentile, per la Signora invece eravamo soprammobili, del resto conoscere l'arte della fuga di Bach a memoria comporta determinati privilegi). Dopo lo spumante finisce l'aperitivo e tutti vanno a cena. Tutti sfilano di fronte a noi e noi suoniamo When the saints go marchin' in (del resto è cosi CCAAARRIINNAAAAAA) la canzone dura quasi dieci minuti perché questi so tanti e ce mettono una vita a passare. Dopo ciò andiamo a cena anche noi.

Altra parentesi, la cena.
Ovviamente i tavoli non sono per noi, quindi ci viene fatto capire che ci si può mettere dietro da qualche parte su alcune poltrone. Di tavoli manco a parlarne quindi mangiamo in poltrona. "Volete vino? Sì grazie!", ma il vino che arriva a noi non è nè bardolino nè morellino, è infatti una rara vigna, lo stronzolino, ovvero il vino del Todis. Bono per l'insalata e per la messa, però la messa in Africa magari, mai visto vino cattivo in chiesa a Roma...
Mentre mangiamo (ovviamente dopo gli ospiti) altre due scene gradevoli:
- Non avendo otto mani poggiamo i bicchieri per terra mentre rientra la Signora che ci guarda e tutta contenta fa, ragazzi attenti al tappeto eh, se si macchia di vino divento una bestia.
Io sto quasi per rispondere quando arriva la seconda scena gradevole:
- La Signora sparisce visivamente ai nostri occhi e poco dopo sentiamo la sua voce irata
"LEI COME SI PERMETTE HA MISCHIATO LE POSATE DI DUE SERVIZI DIVERSI, COME SI PERMETTE LEI NON E' DELLA CASA, ADESSO COME SI FA, POI NE PARLERO' AL RESPONSABILE".
L'interlocutore è un cameriere che si scusa come può e poi viene a portarci il secondo. Solo quando lo vediamo capiamo che la ciliegina sulla torta consiste nel fatto che sia NEGRO!
Oleeeeeeeeeeeeee, aridatece Miss Rossella!

Il dopo cena.
Dopo cena ricominciamo a suonare. La Signora decide che dal salottino (dove in effetti non ci si incula nessuno) possiamo passare alla sala da pranzo (dove sono tutti seduti e ogni tanto si sente "ma Silvio non viene?" alternati a "delizioso, vai a Los Angeles, c'e un dottore che ti leva le rughe in un giorno e ora con il dollaro così lo paghi due briciole, poi il resto ci fai shopping!".
Mentre montiamo l'impianto nella nuova collocazione i camerieri ci aiutano e io incontro lo sguardo di uno di essi. Egli sa e guarda nel vuoto.
Ricominciamo a suonare, l'idea base era solo fare qualche pezzo per accompagnare il padrone di casa e poi i suoi ospiti:
- Il primo si produce di nuovo in un paio di pezzi, ora è inutile tediare i lettori con banali questioni sull'ascolto musicale, diciamo solo che spero vivamente che in carica pubblica sia leggermente più competente.
- Gli ospiti. Arriva un ambasciatore melomane, devo dire mi pareva una persona diversa dal resto, che vuole cantare 'O Sole Mio, e famo 'o sole mio, ovviamente standing ovation dei colleghi che in fondo nella noia generale non ci volevano sentire a noi ma volevano divertirsi tra loro, quindi l'ambasciatore riscuote grande successo e poi vuole replicare con Pupo Biondo, drammatica canzone romanesca, e che ride, UN CORO DI FISCHI.
A quel punto egli si ritira e c'è chi propone 'O surdato 'nnammurato, a quel punto Lucio si incupisce pensando sempre al solito stupido discorso idealista, fai l'ambasciatore, non mi aspetto il Vespro della Vergine di Monteverdi, ma che cazzo, 'O surdatto 'nnamurato NO.
Comunque a quel punto il fumo (eh si tutti fumano) è talmente tanto e talmente spesso che io non ce la faccio più ed esco. Ovviamente dico il perché e mentre esco qualcuno dice ad alta voce "fino a che ora lo avevano pagato?"
Questa frase può far capire il grado di evoluzione della tipica eleganza italiana coniugata con l'attuale e casuale nobiltà.

Quindi decidiamo che abbiamo suonato più di due ore, che il nostro impegno può considerarsi risolto e cominciamo a smontare mentre gli ospiti se ne vanno.
Io che in fin dei conti non avevo mangiato nulla, vicino alla porta di ingresso vedo una ciotola di scorze d'arancia al cioccolato e ne prendo DAL CENTRO una manciata bella grossa, lasciando un vistoso buco. Subito panico dei camerieri che non capiscono chi possa essere stato e cercano di non incorrere di nuovo nelle ire della Signora e rimettono tutto più o meno a posto.
Gli ospiti vanno via, noi rimaniamo per ultimi e aspettiamo di essere pagati. Alla fine quando sono tutti andati via la Signora prende e se ne va dicendo arrivederci, così facendo si chiude la porta alle spalle, praticamente la regina di Inghilterra. Il padrone di casa, invece, arriva e chiede "allora quanto vi devo?" tirando fuori il portafoglio.
450 euro, fa A*** da tempo incapace di contrattare sui soldi.
L'onorevole ci dice "scusate un attimo mi consulto con mia moglie" e torna dopo 5 minuti con i soldi in mano.
Capisco la crisi in Italia ma di solito i soldi si danno (ai musicisti):
- Anticipati in modo da evitare code e persone in piedi che tangibilmente aspettano qualcosa.
- In una busta, in modo da evitare la mazzetta in mano, macché, FORZA ITALIA! suvvia perché formalizzarsi, siamo tutti amici, tutti ci diamo del tu ma non tutti però abitiamo a palazzo Borghese. Su abbiate pazienza ragazzi, oggi ci abito io poi si vedrà.

Insomma alla fine ci dà i soldi in mano e noi scendiamo le scale sollevati di essere andati via da lì, la porta si chiude alle nostre spalle, A*** conta e scopre che non sono 450 bensì 410.
Del resto dopo una cena con almeno 6 portate e due dolci enormi di D'agnino (nota, cara e ottima pasticceria siciliana che consiglio a tutti nella galleria dietro piazza della Repubblica), camerieri in livrea, champagne a litri e quant'altro, bisognerà pure fare i tagli e risparmiare su qualcosa no? Anzi che abbiamo trovato le ruote della macchina.

Ciao e buona camicia a tutti.

lunedì 15.12.2008 18:30:56
PhantaPhilm Group presenta:



lunedì 15.12.2008 18:21:34



domenica 14.12.2008 22:23:37
COSEBELLE DAL WEB #03:

Riecco la solita storia, vecchia quanto il rock'n'roll, che puntualmente si ripete come il falso miracolo del sangue di San Gennaro.
Prendete una rock band di culto intenta a compiere il grande salto dal circuito underground al circo mediatico mainstream e il rumore di fondo è garantito.
Secondo fonti attendibili, gli AFTERHOURS gareggeranno al Festival di Sanremo 2009.
Su Facebook, Max Stèfani (direttore del mensile Il Mucchio Selvaggio) formula un pensiero appena abbozzato dandolo in pasto al network.
In breve il dibattito divampa e il miracolo si rinnova.



domenica 2.11.2008 21:10:44
COSEBELLE DAL WEB
#02:

Sedia per visite brevi, di Bruno Munari.



domenica 19.10.2008 1:54:54
COSEBELLE DAL WEB
#01:

Calcinculo, di Antonio Sofi.



domenica 21.9.2008 18:25:53
LICAONI'S SHOW:





Dopo Kiss Me Lorena – il primo film italiano scaricabile gratuitamente da Internet – una nuova avventura on line:

Un anno con i Licaoni
Film, cortometraggi e pillole tv gratis per voi dalla rete


Gentili Amici,

siamo lieti di annunciare che sul rinnovato sito http://www.licaoni.it/ è partita una nuova iniziativa destinata a invadere la rete come un virus trojan: l'operazione Un anno con i Licaoni .
Ossia: un anno di distribuzione on line e assolutamente gratuita dell'opera omnia dei Licaoni.

Sì, avete letto bene. Dopo la fortunata esperienza di Kiss Me Lorena – più di 300.000 download – i Licaoni si aprono completamente alla rete per distribuire tutto, ma proprio tutto quello che hanno realizzato in dieci anni di attività . Lungometraggi, cortometraggi, spettacoli teatrali, format televisivi, videoclip, comunioni dei nipoti e filmini delle ferie.
Tutto sarà per la prima volta a portata di un semplice click: ogni venerdì , per 52 settimane, verrà pubblicato su http://www.licaoni.it/ un nuovo video rigorosamente "made in Licaoni " e sarà possibile scaricarlo in differenti formati.

E gli equi compensi in denaro? – direte voi – Perché tanta prodigalità? Perché i Licaoni sono dei signori e vi ricordano che, qualora i video fossero di vostro gradimento, potrete sempre dare il vostro supporto tramite Paypal . Perché fare cinema indipendente di qualità ha i suoi seppur contenuti costi.


I Licaoni, lieti di poter trascorrere un intero anno con voi, vi augurano dunque buona visione.

sabato 14.6.2008 14:42:01
CRACK! – FUMETTI DIROMPENTI:


Festival internazionale di arte disegnata e stampata

quarta edizione


IMPERDIBILE!!!



lunedì 26.5.2008 19:16:14
DIRTY ACTIONS DI NUOVO A GENOVA!:




FUOCO & FIAMME! AREYOUREADYFORTHIS? FUCKOFF'VERYBODY!

I Dirty Actions sono stati il simbolo e il punto di riferimento per la controcultura genovese di fine anni settanta e inizio ottanta.
Oggi i Dirty Actions Tribute, sono una punk-band nel più ampio significato del termine: il suono, grezzo e tagliente, mescola il punk e il funk con un solido e potente rock'n'roll.
Il quartetto, di cui solo il frontman Johnny Grieco appartiene alla formazione originale, ripercorre tutti i brani storici della band contenuti nel cofanetto antologico "Dirty Actions 1979-1982 Istruzioni per l'uso" e successivamente riproposti, dalla nuova formazione, nel cd "Attenti agli Ottanta – Beware of the 80s".
Demetrio Caracciolo alla chitarra, Alessio "Bibe" Barbieri al basso e Max Omini alla batteria forniscono un formidabile supporto musicale che sottolinea egregiamente le diverse atmosfere dei pezzi eseguiti, mantenendo una tensione costante dall'inizio alla fine del concerto.

La sequenza dei brani è micidiale:"Rosa shocking", "Bandana boys", "Museo di Lombroso", "Aktion/Aktion".
L'esibizione mantiene inalterata la carica eversiva delle origini e i pezzi, rispolverati e tirati a lucido, testimoniano l'incredibile potenzialità inespressa della leggendaria formazione ligure.

lunedì 19.5.2008 22:48:38
Fabbione: Niente, è stato in America, tuttapposto.

lunedì 19.5.2008 22:29:19
Danielsan: In 2 parole?

giovedì 15.5.2008 17:11:22
dall'ultima Collana MOLTI VIAGGIANO, POCHI RACCONTANO:


Roma - Los Angeles.
Resoconto minimale secondo l'umore del momento.


di Lucio Villani in Baritonale.



U.S.A
da V for vendetta Ulcerato Sfintere d'Amerdica, no, non mi pare il caso di essere così drastici.

Il 18 aprile Anno Domini 2008 il dinamico trio composto da Marco, Daniele parte alla volta della California.

Riassunto viaggio di Lucio, personale e personalizzato.
Dopo un paio d'ore di volo con una servizievole colazione sull'aereo (British Airways, che dio salvi la Regina!) si arriva all'aereoporto di Heathrow o come cazzo si scrive, e non siamo preparati ai tre controlli che gli inglesi ci faranno, sì sti inglesi sempre co ste facce tristi che detestano gli indiani che intanto so una cifra e lavorano con e per loro, lontani i tempi delle colonie nevvero Elisabè?
Comunque dopo esserci tolti scarpe e roba di metallo per un paio di volte riusciamo a prendere una navetta destinazione il mega jumbo che ci porterà a fare gli zii d'America, qui mentre salgo mi vengono in mente le righe di Fanteria dello spazio, romanzo di Robert A. Heinlein che ha segnato la mia infanzia, entriamo nel jumbo bello e grosso e ci accomodiamo, Marco è sistemato lontano da me e Daniele, con il mio accenno di inglese maccheronico chiedo allo steward di spostarlo vicino a noi rimuovendo un improfumato srilankese che comincia a smadonnare perché deve spostare tutto ma non lo dà troppo a vedere, comunque la faccenda si sistema presto perché alzandomi dal posto a un certo punto non so come gli ammollo una gomitata e poverino si fa male (avoglia a scusarmi e a spiegare a quel nano che avevo difficoltà a stare in un abitacolo stretto, ma vabbé, insomma provo almeno a scusarmi ma lui si adombra e gira poco prima di andarsene da un altra parte, ma che importa ora il dinamico trio all'erta e pieno di brio è riunito e nelle poltrone ci sono GLI SCHERMI con un botto di film!!!).
L'aereo parte con un soffio (sto cazzo de jumbo, mica stamo a giocà) e noi ci immergiamo nei film che offre la British Airways (iddio padre salvi la Regina!) quindi mi vedo:
- Hitman, una cacata colossale
- Io sono leggenda, una mezza cacata
- un pezzo di Cronache di narnia (che sia maledetto lo sceneggiatore e la sua stirpe).
Poi mi addormo cercando di concentrarmi su un libro che mio fratello mi ha consigliato e che continua a sfuggirmi da novembre, "Armi acciaio e malattie", il libro mi sfuggirà anche questa volta, scivolerò in un sonno mentre il mio inglese, stimolato dai film in lingua originale, lentamente comincia a svegliarsi.

Ma la British Airways (che dio salvi la Regina!) ha in serbo per noi un pasto succulento, dopo averci chiesto se abbiamo preferenze sul cibo, vegetariano, kosher o altro, i solerti steward ci portano un vassoietto con tanto di bottiglia di vino (che dio salvi la Regina!) che dà il colpo finale alla cecagna già imperante, sprofondo nell'oceano che non vedo in quanto il mio finestrino affaccia sull'enorme ala dell'aereo e i fusi orari ci corrono incontro.
San Francisco, arriviamo nel primo pomeriggio pronti a vedere l'America e qui Lucio fa la sua prima scoperta che lo accompagnerà per tutto il viaggio, ovvero LUCIO IN AMERICA MARCA MALISSIMO!, insomma al controllo di polizia (un esercito) Lucio dice di essere un musicista (pare vero) e fa anche un paio di nomi di amici americani, il primo poliziotto fa un sorriso incoraggiante e dice frasi cortesi mentre con il pennarello traccia un segno rosso enorme sul foglio verde (un modulo compilato sull'aereo prima di sbarcare in cui affermo che non sono un nazista, non ho bombe e non sono pazzo) quindi Lucio va fiducioso avanti quando un altro agente in divisa scura palesemente sud americano gli fa cenno di accomodarsi al banco del controllo, fuori lo zaino controllo, domande generiche chi sei che fai quanto ti fermi perché hai uno zaino nell'altro zaino, che suoni, suoni? chi sono i tuoi genitori, quando te ne vai (quanto fumo hai, poveri illusi), insomma Lucino che da sempre è munito solo di the Earl gray in tasca viene rilasciato con un "bye sir", quindi raggiunge il resto del dinamico trio all'erta e pieno di brio e comincia la scoperta dellAMERICAAAAA...TERRAAAAA!!!
Con comodi 50 dollari prendiamo un comodo taxi che ci porta al comodo ostello nella comoda San Francisco, una città fatta di salite, discese e cose varie.
Il fuso orario è una ficata, scopro che mi piace avere gli orari sballati, mi sento nella vera esperienza nuova seppur ancora non troppo convinto di essere ad un giorno di viaggio da casa, molti chilometri dopo.
San Fran come la chiamano loro ci fa scoprire che:
- in America ci sono un sacco di senzatetto (almeno nelle città, pare che San Francisco passi loro anche una specie di salario) anche se questo impressiona, impressiona anche il fatto che siano tutti molto gentili nel chiedere (ciò ahimé non cambia nulla).
- in America è difficile mangiare bene, ovvero c'è di tutto per tutte le tasche e con il dollaro basso tutto è più semplice ma noi cominciamo a sperimentare un po' di roba, io chiaramente il più restio di tutti, visti i miei problemi con il cibo. Daniele magna come se non ce fosse un domani imbattuto dal buon Marco che ha atteggiamenti coccodrilleschi, con anche lacrime finali della serie "oddio me so magnato tutto!" Daniele non si fa problema alcuno e tutti e tre scopriamo i pancakes e la colazione greve all'americana, ovvero un megapiatto con due uova, pancetta, salsicce, patate saltate al burro, pancakes, burro e marmellata, praticamente la battaglia di Lepanto!
- San Francisco è piena di musica, piena di club, locali e librerie e come dice un nostro amico anche "piena de froci e de drogati" ma anche di negozi di vestiti vintage, strumenti musicali, dischi, libri fichi e donuts, del resto il nostro ostello è nel financial district dove i grandi magazzini abbondano.
- San Francisco è piena di uomini belli e curati, le mulìebri presenze sono ahimè quello che a trastevere viene definito "botrilla" in più un'atmosfera hippie riveste la città e la guisa dei vestiti è, per usare un eufemismo, "variegata".
- le case a San Francisco non superano i due piani, sono di legno, in stile vittoriano e colorate con colori pastello, risultato molto piacevole (impara maledetto abbruzzo!).
- si avverte già da qui la potenza di Scientology.
- i locali gay di San Francisco (nel tanto celebrato quartiere Castro) sono un po' na massa de frociarole e non il tanto citato "ostrica Blu", che i nostalgici di scuola di polizia ricorderanno pieno di maschioni ammantati da un tango poi diventato tormentone internazionale.
- in alcune strade ce sta il disagio vero, comunque non mi spavento, non più di Parigi quanto meno.
Dopo una settimana della città più europea della california ci spostiamo, prendiamo una macchina alla Hertz e andiamo verso la prima tappa del nostro viaggio, lo Yosemite national park, andiamo verso Sacramento prima per vedere un po' di ambiente circostante, vedessi mai che becchiamo Schvarzenegger, ma come cazzo se scrive, vabbé Terminator, dopo la callara da entroterra ci dirigiamo verso il mega parco.
- San Francisco è piena di messicani, Daniele e Marco comprano macchine fotografiche, mentre Marco è contento di parlare spagnolo e crede di avere ottenuto un forte sconto sui sofisticati apparecchi fotografici, il messicano in maniera del tutto partenopea glielo butta tranquillamente al culo, facendo pagare a ognuno almeno 50 dollari di più. QUE VIVA MEXICO!!!
La presenza dei messicani si avverte ovunque, soprattutto nei ristoranti, primo tra tutti PANCHO VILLA; una taqueria in cui fanno un burrito PESANTISSIMO, rutterò per qualche giorno e il ricordo del chili e del cibo messicano mi molesterà come il fantasma di Canterville; QUE VIVA MEXICO!!!

Nel parco arriviamo dopo una giornata di viaggio e arriviamo verso le 5 di pomeriggio, entrare nel parco è un'esperienza, dalla pianura si passa gradualmente in una boscaglia e poi in un vero e proprio ecosistema vivente fatto da piante come da animali. In codesto parco c'è una valle, detta Yosemite valley dove si trovano alloggi e sistemazioni, ovviamente il dinamico trio ha una concezione ottocentesca del viaggio e ignora che in America si prenota pure il cesso telefonicamente, quindi si arriva in fondo alla valle per scoprire che è tutto pieno, quindi dopo poco si torna indietro per andare a cercare una sistemazione temporanea fuori dal parco per poi tornare il giorno dopo e soggiornare. Mentre usciamo a dieci metri dalla macchina avvistiamo un grizzly, è quasi buio e vediamo la sagoma e l'atteggiamento disinteressato dell'animale, rimaniamo fermi un paio di minuti lunghissimi a guardarlo e poi andiamo via.
L'orso è bello e grande, non capisci le vere dimensioni finché sta a quattro zampe ma è veramente un animale regale, queste considerazioni le faccio mentre usciamo fuori dal parco andando a cercare posto in un motel visto sulla strada. Il primo albergo che incontriamo è esoso (poco fuori dal parco chiede troppi soldi e noi ricercatori del profondo significato del viaggio subito migriamo verso un altro posto intravisto dieci miglia prima).
Arriviamo così al MOTEL DEL GIAPPONESE.

Allora in tutti i film in cui un personaggio palesemente alienato dalla realtà vive in un determinato contesto ad un certo punto c'è la spiegazione, il perché, da qui la nostra domanda, arrivando in un motel degno dei migliori film dell'orrore e totalmente vuoto con le pareti di cartongesso e le finestre rotte (pure la nostra), insomma pensiamo anche un po' stanchi
CHE CAZZO CI FA UN GIAPPONESE IN MEZZO ALLE MONTAGNE DELLA CALIFORNIA?
Rimediamo una stanza a 80 dollari con due letti kingsize (grossi ma grossi grossi). Daniele, animato da uno spirito tra il paterno e il famelico va a chiedere al Nippone se vi sia, nel ridente chiostro, qualche cosa da mangiare, egli risponde con un sorriso enorme e parlando, solo con verbi infiniti, ma in maniera entusiasta, che sì qualcosa da mangiare c'è, il FROZEN BURRITO!, una specie di tronco congelato che con un solo minuto di microonde diventa una squisita pietanza degna della Pergola all'Hilton; Daniele ripara su due bottiglie d'acqua e pasteggiamo a barrette energetiche (qui Enterprise, mi ricevete?) e cheerios, questi due alimenti ci accompagneranno per tutto il viaggio.
La notte dal giapponese non passa per niente, io non dormo un cazzo, un po' perché ho visto troppi film horror con troppi motel vuoti, un po' perché l'impianto di riscaldamento gocciola e assomiglia a tre metronomi sovrapposti quindi mi viene da adattare la musica di Bach su triplo ritmo (mortacci mia e del conservatorio) e un po' perché effettivamente mi sale il pensiero che siamo lì in mezzo alle montagne al motel del giapponese, siamo arrivati di notte e nessuno ci ha visto arrivare, quindi INCASTRO MENTALE coadiuvato dall'impianto di riscaldamento che oltre a non riscaldare un cazzo fa anche un rumore di dio padre.

La mattina ci alziamo (freddo sempre di dio padre) e ce ne andiamo a Mariposa, ridente contrada lì vicino dove facciamo colazione con brownies e mezzo litro di latte (aò magna e fatte grosso...) dopodiché andiamo nell'unico negozio di sport gestito da una signora incantevole e pacata dove compriamo un po' di cose, Marco e Daniele i sacchi a pelo, io un giacchino per poi procedere verso il parco, via, ALL'AVVENTURA!!!

Al parco prendiamo una tenda (tenda con intelaiatura di legno, letti, coperte e asciugamani 70 dollari, viva l'euro), in tenda scopro che ho lasciato il sacco a pelo (ovviamente nuovo) a San Francisco, tra bestemmie e insulti metto sul mio letto almeno cinque coperte poi usciamo e andiamo nella nostra prima escursione. Dunque questo parco oltre ad essere enorme, ha varie caratteristiche, la prima di queste è il fatto di avere due tra i più grandi monoliti di granito del mondo; 2300 e 2700 metri. Le nevi che si accumulano in inverno, a primavera si sciolgono dando origine a cascate spettacolari che durano fino a circa metà maggio, andiamo lì, arriviamo sotto, questo rombo riempirà le nostre orecchie e non ci lascerà mai fino alla partenza.
Camminiamo circa dieci chilometri (per me pure de più) e la sera arriviamo al buffet dello Yosemite, Marco chiede alla cassiera (che era persa nel faccino efebico con gli occhi azzurri) "quanto possiamo mangiare" e lei "ALL YOU CAN EAT", ora scopriamo che gli americani dicono le cose sul serio, volendo ti potevi mangiare tutto e molti lo facevano, vediamo quindi passare davanti a noi piatti interi di uova, piatti interi di hamburger, piatti interi di gelatina and so on, il tutto cosiderati dai possessori una monoporzione (chissà quante uova erano, continuo a chiedermelo, e io ancora con l'ovetto ogni due giorni). Mangiamo tanto e andiamo a dormire dopo aver provato a fare relazioni sociali (maddecheee).
Il giorno dopo andiamo a vedere gli alberi più grandi della terra, ovviamente abbiamo lasciato la macchina con le luci accese e la batteria è scarica, con comodi 60 euro arriverà Joe che ci farà ripartire tutto, scusate dicevo le sequoie giganti del Mariposa Grove, qui mi si perdonerà il parallelo con gli Ent, i pastori di alberi di Tolkien, anche un po' scontata come cosa ma alla fine sticazzi. Le sequoie sono tra gli esseri viventi più vecchi della terra ed emanano qualcosa che va oltre il rispetto, sono ANTICHI, loro sul serio. Passiamo di fronte al Grizzly Giant, un albero che ha 2700 anni, coevo degli antichi greci, insieme a noi dei chiassosi francesi lo guardano e tra un "c'est fantastique" e l'altro se fregano le pigne (proibitissimo!!!), ma alla fine evviva Carla Bruni!
Tornando facciamo a palle di neve (ci sta pure quella), io ovviamente miro come Ray Charles ma Daniele è bastardo dentro e cecchino nato e vince lui.
Dopo un altro buffet il giorno dopo partiamo dallo Yosemite (mio grande disappunto, sarei rimasto lì un anno), salutiamo gli orsi e pensando di uscire da una parte sbagliamo strada e finiamo dall'altra, prossima destinazione la valle della Morte!
Dopo un paio di informazioni da un benzinaio degno di un film di Lynch imbocchiamo la strada giusta e comincia il nostro cammino verso la lontana valle della Morte al confine con il Nevada. Al tramonto arriviamo nel deserto del Mojave, antica riserva indiana, il deserto, il primo impatto, dunque, innanzitutto il deserto è deserto sul serio ci sono gli alberi di Joshua (e chi non ricorda l'omonima copertina degli U2) ci fermiamo per fare il tramonto nel deserto, una quantità di toni di blu/viola da saziare la superstizione di Gassman e... attenzione, Lucio marca male pure nel deserto. Intento a fare una pisciata dietro il sopraccitato albero di Joshua, egli non si avvede della volante che si ferma chiedendo se vada o meno tutto bene. Per fortuna il solerte poliziotto poi se ne andrà lasciando noi a scattare foto e a godere un vento veramente inedito.
Andiamo avanti, la valle della Morte ci aspetta, mentre cala la notte cominciamo a pensare dove andare a dormire. Siccome guidare è bello e siamo pur sempre figli di Byron e dell'ottocento, leggiamo di un motel sulla nostra guida, questo motel è nella valle, quindi perché telefonare quando con comode 40 miglia ci arriviamo comodamente? La giovane alla porta ci comunica guardandoci da dietro un vetro, che l'albergo è stracolmo, mentre decidiamo di dormire in macchina NELLA valle della Morte vedo le stelle più belle della mia vita, ci sono tutte e tutte dicono A COJONI!!!, ma che importa in fondo se ste cose non le fai in America dove le vuoi fare a Sezze? Questo lo dico adesso, lì per lì blatero come una befana con le mestruazioni e ammorbo i miei compagni di viaggio (blablabla, scherziamo, dormire in macchina, ma come si può!!! che cacacazzi ebbene sì).
Dormiamo come in un disegno di Escher ci svegliamo di mattina alle 6 e rotti e fanno già 36 gradi, la valle della MorteEE è non a caso una depressione nel deserto e uno dei luoghi più caldi della terra. Mentre il caldo comincia a salire facciamo colazione in un vero e proprio castello circondato da palme nel mezzo del deserto, fuori il deserto dentro una specie di reggia (albergo) con aria condizionata e camerieri con camicia a stelle e strisce (e quante cazzo de bandiere, avessi visto una sola bandiera dell'Iraq) una delle cose più assurde, ma ne dovremo vedere ancora altre. Facciamo colazione e proseguiamo, arriviamo in una distesa di sale chiamata Bad Waters, in cui sopravvive l'unica pozza d'acqua della valle (non evapora perché salata), dentro l'acqua vivono delle simpatiche creature autoctone, dei vermilli che si attorcigliano e nuotano. Penso ai vermilli mentre camminiamo nel deserto di sale e viene in mente Michael Ende come altre cose che ora non saprei ordinare, Daniele deve SEMPRE andare al cesso in vacanza e quindi si avventura anche in un cesso sotto il sole a picco a 38 gradi (in rapida salita), uscirà come il sudario di cristo; dopo questo vediamo un canyon (io adoro i canyon, sì sono un canionista, scusate ora vado a prendere la stricnina) e dopo il canyon andiamo su, saliamo al Dante's view in alto, altissimo la differenza di temperatura con il fondo della valle è 18 gradi, sui picchi spira il vento degli dei e si vede tutto, il panorama è indescrivibile. Lasciamo il caldo della valle per riattraversare il deserto, prossima fermata Las Vegas (dai rovinamose!!!)

Las Vegas.
Tutto di Las Vegas è indescrivibile, solo andandoci si può capire che posto sia, degno di stare tra le Città invisibili di Calvino o nella Cinecittà di Fellini. Vegas, come la chiamano loro, è in realtà un posto triste e la gente ci si rovina, gli americani la adorano e la foraggiano, non solo loro, per carità, mi piacerebbe sapere il parere in merito di altri europei, dormiamo nell'albergo più pacchiano che riusciamo a trovare, il LUXOR, una piramide di cristallo nero stile egizio con tanto di sfinge di cartongesso alta venti metri all'ingresso e un faro potentissimo sulla cima della piramide, talmente potente da poter essere visto dal satellite. Giochiamo, dormiamo, mangiamo, vediamo e con sollievo partiamo in fretta la mattina seguente.
Las Vegas è circondata dal deserto e con il deserto si lascia, questa cosa è veramente surreale.

Ma sì andiamo a Los Angeles, cerchiamo una parte, famo il cinema, FATECE FA IL CINEMAAAAA!!!!!

Los Angeles, la città degli angeli, la città di Hollywood, la città delle stelle per terra, dei party sfrenati, dei cocktails veri (li caricano una cifra, alcool alcool) la città dei tatuaggi, dei centri di benessere mani, piedi, viso ad ogni angolo, un posto inaspettato.
Prima cosa che colpisce come un cambio generazionale, se attraverso la California il viandante vede persone diverse, ciccioni, non ciccioni, belli e brutti, grossi e piccoli, a L.A. brutti non ce ne sono (a parte i senzatetto anche più aggressivi che a San Francisco) ovvero Los Angeles, per usare un garbato eufemismo, pullula de fregna e de fregni, denti bianchissimi (ovunque) corpi scolpiti dalla palestra (spesso e volentieri). Questa cosa mette quasi a disagio dopo un po', una specie di paese dei balocchi inguinale (per carità non siamo così semplicistici) eppure questa cosa ha effetto, specialmente se si viene dal deserto come padri pellegrini. Dormiamo dietro il Kodak theatre (dove danno gli oscar) e appena arrivati vediamo passare la kermesse per la prima di Iron Man, ahhh Hollywood.
A Los Angeles, il concetto di shopping è portato all'estremo, ovunque ci sono negozi di vestiti assai tentatori e fosse solo quello, c'è effettivamente di tutto e non ci accorgiamo che il meccanismo shop/consumistico americano ci ha contagiato, tutti abbiamo comprato di tutto rendendoci conto dopo della stessa cosa, ovvero te viene da comprà roba, è il meccanismo del menù grande di Mac Donald, roba grossa, tanta roba, un po' il concetto del magnamose tutto prendiamo di più.
Qui si scoprono varie cose
- Effettivamente in America si fanno meno pippe per tutto (quando ce pensano) e si divertono con più gusto che noi vecchi europei, sempre con un occhio al Rinascimento e al fare/non fare, l'americani partono in quarta e se divertono.
- l'americani (mica tutti per carità) hanno più luoghi comuni di un'agenzia di viaggi. Je frega assai.
- Scientology è potentissima e fa paura.
- In America c'è la massoneria, si vabbé anche qua, ma qua la massoneria non ha un palazzo di 15 piani con annesso simbolo largo quattro metri.
- In America volendo c'è anche la religione jedi.
- In America ognuno ha il diritto di comprare una pistola, se tu chiedi perché la risposta è "perché è un mio diritto!!!".
- In America la benzina costa circa 60 centesimi di euro al litro, anche un po' meno e siccome costa poco se ne prende tanta; prendendone tanta la si mette in macchine grandi, molto grandi, il suv è all'ordine del giorno, le macchine molto grandi consumano un botto per andare a 70 all'ora, ma ha da venì baffone...
- In America però un po' altre fonti di energia vengono sfruttate, nel deserto del Mojave, luogo bellissimo e ventoso c'è una mega centrale eolica, pannelli solari e altro.
- In america se lavora un botto (e fin qua manco male) però ti possono mandare via in qualunque momento, quindi sei più attaccato al lavoro e di conseguenza la competizione è alta; proprio per questo motivo c'è un rispetto enorme del lavoro, una considerazione alla quale forse noi non arriveremo mai (salve lei che fa? - il musicista - ah sì, e poi?).

Alla fine si parte da L.A., non prima di essere stati nel quartiere frocio, west hollywood, comodi 5 chilometri a piedi annà e tornà (ma ti pare che prendiamo la macchina? ma no camminiamo dai!) mentre Daniele si reca a zonzo per locali semiscoperecci, io accompagno Marco da Abey's, uno dei meglio locali in cui sia mai stato, bello piacevole, anche pieno de froci, per carità locale gay, ma non solo. Dopo un mohito decido di lasciare Marco al proprio destino e me ne vo, sarò stato nel locale sì e no 20 minuti, mi incammino per l'ostello, altri comodi 5 chilometri.
Mentre procedo a passo spedito noto a una decina di metri di distanza un tizio nero all'angolo che mi guarda e mi viene incontro, poco dopo esordirà con "hey man i saw you at Abey's, you're very cute, why don't you come in my car?" io cerco di capire questo approccio mentre lui ammiccando mi circonda con un braccio. Devo essere sembrato un personaggio singolare perché ho esordito con un ottimo "scusa ho il mal di testa" e l'ho lasciato lì poverino; continuo a camminare per la mia strada quando sento un stridio di gomme e una macchina si affianca tagliandomi la strada. Dalla macchina esce un NEGRONE che dice più o meno le stesse parole dell'altro con tono più autoritario (della serie sali che te faccio il culo!) in qualche modo con un misto di Stendhal e Lando Fiorini gli faccio capire che non sono interessato e continuo verso l'ostello che ormai mi pare una specie di zona protetta. Mentre rifletto sul "però qui non perdono certo tempo" da lontano vedo una ragazza in minigonna che a una certa distanza di fronte a me mi guarda, si gira (mi dà le spalle) e si mette a 90°. Io perso nei pensieri miei la noto solo dopo un po' e in maniera indistinta e ingenua immagino "poverina, forse sta male, perché è piegata così? Avrà forse perso qualcosa?" L'arido vero non tarda ad arrivare e la realtà del mignottone cancella come un colpo di ramazza tutti i miei pensieri formulati con un misto di ingenuità, romanticismo e coglioneria. All'arrivo di fronte alla dama ella si alzerà dalla posizione pecoroide chiedendomi con un sorriso se io abbia o meno 50 dollari, ma lo shopping di L.A. ha avuto la meglio e quando questa cosa diventa palese immediatamente (non perde tempo) si rimette a pecora per qualcun'altro. Ah l'amour!
e qui la conclusione della serata, la riflessione "qui le cose se fanno bene, se nel locale de froci vai i froci trovi" una specie di "HIC SUNT LEONES" californiano.

Insomma Marco rimedia e sparisce per il giorno dopo, noi andiamo a vedere la scritta di Hollywood e andiamo a zonzo, ci si abbronza e ci portano a Malibù a magnà er pesce, io mangio il tonno mahi mahi. Che ficata il pesce oceanico, PESCE PESCEEEEEEEEEEEEEEEAGHHHHHHHHHHHHHH.
Si torna quindi a L.A. io decido di andare per un giorno a cercare un fantomatico megastore di attrezzi per contrabbasso dove in teoria tutto costa parecchio di meno, lo troverò dopo due ore di macchina, nel mezzo del NULLA (la casa in mezzo al deserto) scoprendo che il negozio non è per niente conveniente perché è tutta roba di importazione europea, insomma la solita conclusione del "perché non so annato al mare?"
Andiamo via da L.A. per tornare a San Francisco attraverso la romantica Freeway 1, la strada che fa tutta la west coast americana. Bellissima, lo mare da una parte la montagna dall'altra, la perfetta vacanza salutare si diceva negli anni '50. Passiamo attraverso il parco del Big Sur, una riserva naturale abitata da fricchettoni dagli anni '50. Una casa a strapiombo sul mare ogni quattro chilometri. Meraviglioso, qui verrò a morire credo (perché tanto il Circeo mica se po' fa, no guarda andiamo in America), dormiamo al Motel 6 la catena più economica d'America (pulitissimo, che ficata), mangiamo un hamburger e ci rimettiamo in viaggio. Paesaggi bellissimi che mi fanno venire in mente i romanzi di Lovecraft, fari e villaggi isolati sulle colline, spiagge con onde altissime, calette, zone d'ombra, strapiombi...
Arriviamo a Monterey per vedere l'acquario (25 comodi dollari) e io arrivo alla conclusione che i dominatori del mondo sono dentro i mari in attesa del nostro declino.
Non tanto gli squali, i tonni, le razze (al tatto sembrano di un pile viscido, fantastico) ma le MEDUSE e le MURENE, passando per il granchio pecora (vero) e il polipo gigante.
Le meduse sono l'esempio di come la bioluminescenza sia una delle cose più incredibili da vedere e di come anche alcuni umani dovrebbero accettare la propria forma fisica un po' come loro. VASCHE di meduse incredibili, dai medusini trasparenti a quelli che rilucono come le lucette dell'albero di natale fino ai MEDUSONI TENTACOLUTI!
Le murene sono splendide ma mai quanto la lumaca di mare, il vero mostro che mi piacerebbe avere disegnato. Le murene sono acchittate quasi per il carnevale, c'è quella zebrata, quella leopardata, c'é di tutto ma veramente di tutto. Evviva l'acquario. Ecco, una cosa che gli americani fanno proprio coi controcazzi sono i musei, abbiamo visto un osservatorio in cui tutto veniva spiegato con una chiarezza impressionante e così l'acquario. Tra l'altro tutti gli animali non sono stanziali, alcuni sono in cura per un periodo, tutti i pesci vengono poi re-immessi in mare aperto in modo da non abituarsi alla cattività. E poi signori gli squali. Anche uno squalo lungo dieci centimetri è una delle cose più antiche e pericolose del mondo. La forma di qualcosa che ha terminato la sua evoluzione mentre noi ancora stavamo a guardà la stele nera di Kubrick, rispetto e chapeau!
La scoperta più bella dell'acquario per me, medusoidi a parte, sono due pesci, il pesce luna che pare tagliato con l'accetta e il pesce delfino che somiglia troppo ai mostri che disegno io, quindi mi sta simpatico assai. Ripartiamo da Monterey mentre il tizio dell'acquario ci chiede se vogliamo o no andare a vedere le balene, a malincuore si torna a San Francisco.

Gli ultimi due giorni nella più europea delle città americane (che comunque come monnezza è paragonabile alla città eterna) trascorrono tranquilli. Daniele rimedia e sparisce, io mi dedico a ritirare libri e strumenti, le ultime passeggiate attraverso Market Street, quindi passo un paio d'ore a fare bene gli zaini (come imbustare un cadavere, madò la roba), la sera vado a sentire un concerto, conosco musicisti che mi chiamano a suonare con loro sul palco, fico mi fanno i complimenti e suono bene, vedessi mai...

Ciao San Francisco, noi si parte, chiamiamo un taxi, una macchina straordinariamente piccola che comprime non so come tutti i nostri bagagli e andiamo all'aereoporto dove l'ultima tappa del viaggio ci attende, l'AMERICAN AIRLINES.
Ora le compagnie di volo hanno tutte le loro bizzarrie ma signori miei l'American Airlines è veramente un passo davanti a tutti.
- Le hostess da dove le hanno prese? Addio al concetto delle stangone con la gonna e il sorrisino, qua pare de sta in una specie de Calabria cinese.
- Se Lucio marca male in America ha invece grande successo con un'assistente di volo (daje) che potrebbe essere quasi la cara nonnina e che mentre chiede informazioni con piantina di Roma alla mano, strofina le tette e mette il culo in faccia (lo giuro, ogni volta che passava il carrello delle vivande me trovavo un culo in faccia, sono stato fortunato a sfuggire alla decompressione).
- Le poltrone non hanno schermi e film, quindi in un viaggio lungo semplicemente t'attacchi al cazzo, o hai un libro oppure boh, guarda fuori al finestrino.
- Il pasto, e qui viene in mente il film di Fantozzi in cui la hostess chiede "che voi, semi o lupini?", praticamente così, non che mi aspettassi il cordon bleu, pardon, ma manco il ciofecone. I commenti di Marco sull'argomento avrebbero dovuto essere registrati e messi nel Voyager come testimonianza dell'umano ingegno.
- Siamo sul fondo dell'aereo e oltre a percepire TUTTE le scosse di un volo pieno di turbolenze (madò ha quasi infastidito anche me) noto piacevolmente che il portello di emergenza a un metro da me ha una perdita, uno spiffero. A quanto siamo? 10.000 metri? Ah ok grazie!
Oltre a me questa cosa non sfugge all'equipaggio. Ogni tanto passa qualcuno che mette una mano davanti al buco per sentire se vada meglio o peggio, poi fa finta di niente e va via, nel mentre i nostri sguardi si incrociano e nella sua pupilla intravedo chiaramente il ritratto votivo di PADREPIO, quindi mentre smadonno con tre coperte addosso (è anche la parte più fredda dell'aereo, con lo spiffero poi...), dicevo mentre smadonno rifletto sulla perenne vittoria del Vaticano dove stiamo tornando dritti e purtroppo non sopra.

Mamma Roma.
Arriviamo, recuperiamo i bagagli, a nessuno dei tre va di parlare con nessuno lì per lì, vogliamo prendere il treno per tornare a casa, macché stranamente c'è uno sciopero (ricorrenza rara) quindi ricorriamo al taxi, tariffa fissa del poro Veltroni (che mo' sta a fa il pasticcere in Polonia, ricordo anche questo adesso). Arriva il nostro taxi, una station wagon grossa, da fuori si vede il bagagliaio posteriore in cui campeggia una borsa della palestra della grandezza di un portascarpe, per il resto il vano è vuoto. Il tassinaro scende, ci guarda, vede i nostri bagali e poi esclama
"NO A REGA PRENDETE IL PROSSIMO; LA ROBA VOSTRA NON C'ENTRA E C'HO PURE LA BORSA DELLA PALESTRA!"
...bentornati a Roma, perché se tutte le strade portano a Roma, nessuna da Roma parte.

Lucio

p.s. con l'American Airlines non andrò più neanche a Pomezia.

martedì 13.5.2008 11:19:00
unamanolavalaltra consiglia:



Dal classico Western (cappello da cowboy, baffo pronunciato e sguardo torvo come nella foto di Franco Nero) al Western contaminato da altri generi apparentemente agli antipodi.
M-Rivista del Mistero ha deciso di occuparsi dell'universo West.
Ne è uscito fuori un mezzo miracolo strutturato a libro.
Livello qualitativo elevato, prezzo di copertina ammirevole.

lunedì 21.4.2008 12:06:37
unamanolavalaltra presenta:



Per la lettura, dirigersi nell'area CASAMIA!

venerdì 29.2.2008 23:12:06
QUESTO CONVENTO LI DECIDE LUI I SUOI PRETI:





di Lucio Villani, alias El Baritonal.

 
domenica 25.11.2007 23:20:15
Unamano iniziative:



giovedì 15.11.2007 23:36:53
Fabbione in Dottor Tour De Force:
Stenterebbe a crederlo pure un accanito frequentatore di cineclub.
Faticherebbe a stargli dietro persino colui che dichiara con fierezza di aver divorato l'intera opera di Andrej Tarkovskij.
Si vede che non avevano fatto i conti con Filippone in Porcoddena…

Il 31 ottobre scorso, mentre la gioventù era impegnata a trascorrere la notte di Halloween tra locali fashion e discoteche vetrina, Filippone dava appuntamento ai suoi adepti per una maratona HORROR da panico, all'insegna della sgraziata saga dei VENERDI' 13.
Titolo icona di un certo cinema rognoso anni '80 mai più replicato.
Anni '80 che, nel bene e nel male, hanno regalato al genere HORROR momenti di vitalità sbalorditivi.

Unamanolavalaltra sostiene questo tipo di entusiasmo e di coraggio!



domenica 4.11.2007 1:27:03
QUEST'AREA E' SORVEGLIATA DA OMINOTONDO:



giovedì 31.5.2007 19:15:23
Filippone in Porcoddena & unamanolavalaltra contro l'AFFAIRE GRINDHOUSE:



INCREDIBLE SUPER MEGA ASTOUNDING UNBELIEVABLE MUTHAFUCKING INTRODUCTION OF ASSHOLEISM




Quando si tratta di farsi prendere per il culo dall'industria del cinema io sono sempre il primo della fila. Inventati una qualsiasi cazzata per spremere soldi e mi troverai sempre con la mano alzata a gridare "IO, IO!!!".
Vuoi vendermi dieci volte lo stesso film? Va bene.
Vuoi avere i miei soldi solo perché hai cambiato la scatola del DVD? Va bene.
Vuoi vendermi i soliti film dentro a un capoccione di plastica? Va benissimo.
Vuoi che ricompri ancora quel vecchio film solo perché hai aggiunto mezzo fotogramma? Ok, ci sto.
Cioè, no, ovviamente non va bene, ma va comunque tutto bene fino a quando la situazione è riassumibile con "Voglio i tuoi soldi. Me li dai in cambio di questo?". Tu proponi, io valuto, mi rendo conto che è una cazzata PERÒ la cazzata mi piace e quindi è tutto ok anche se non è ok.
In fondo è uno scambio equo: sì, certo, io ti do il soldo sonante e tu mi dai un capoccione del cazzo con dentro sempre gli stessi film che ti ho già pagato, oppure una pellicola che ho già visto diecimila volte con l'aggiunta insignificante di una scena che dura un minuto, ma l'importante è che io sono consapevole del tutto, accetto le condizioni, mi piace ciò che mi hai promesso, tu mi dai ESATTAMENTE quello che mi hai promesso, conosco le alternative e - soprattutto - esistono alternative (non comprare/rivolgersi al peer-to-peer/aspettare che il prezzo scenda...); di conseguenza, scelgo in tutta libertà cosa fare o non fare, anche se il "fare" significa farsi prendere per il culo da te.
Il tacito accordo appena riassunto, però, crolla di brutto nel momento in cui ti metti a fare lo stronzo. Crolla quando si cambiano le carte in tavola durante la trattativa. Crolla non appena ti trasformi da mariuolo che smercia videoregistratori coi mattoni dentro a scippatore in piena regola, che si attacca alla borsa e se non molli ti trascina sull'asfalto.

Gli scippatori in questione sono i fratelli Weinstein (Harvey e Bob) che, per il mercato extra-statunitense, hanno spezzato in due il film 'Grindhouse' in maniera del tutto arbitraria.

Lasciate che vi faccia un riassunto sui fratelli Weinstein, conosciuti per...
1) ...aver chiesto indietro tre milioni di dollari a Martin Scorsese (che pare li abbia scuciti direttamente dalla sua saccoccia) per gli sforamenti di budget di 'Gangs of New York', manco fosse Uwe Boll.
2) ...aver condotto delle campagne pubblicitarie pre-Oscar talmente aggressive da essere descritte come "roba da mafiosi". Tali metodi sono stati così brutali ed invadenti da risultare efficaci: hanno garantito, infatti, che 'Shakespeare in Love' vincesse l'Oscar come miglior film battendo incredibilmente 'Salvate il soldato Ryan' (non iniziate a rompere i coglioni con duecentomila commenti su quanto fa schifo il film di Spielberg, non è questo il punto! In un contesto "alieno" come quello degli Oscar 'Salvate il soldato Ryan' avrebbe dovuto vincere ad occhi chiusi, e questo è quanto). In poco tempo, le teste di cavallo nei letti e i Rolex al polso dei membri dell'Academy (malcostume iniziato da "qualcuno") sono diventati una consuetudine, al punto che la stessa AMPAS si è vista costretta a prendere posizione dicendo a tutti di darsi una regolata (fatto senza precedenti).
3) ...aver spezzato in due (sì, i Weinstein sono recidivi) 'Kill Bill', una pellicola che è stata - fino a poco tempo prima della sua uscita nelle sale - concepita e realizzata dal suo stesso autore (Quentin Tarantino) come un unico film da vedere in un'unica soluzione. 'Kill Bill' è stato diviso in due SOLAMENTE per ricavare più biglietti, non esiste altro motivo.

Diamogli corda e, di questo passo, i film usciranno divisi in quattro parti da mezz'ora l'una.

Ma torniamo al soggetto del problema.

'Grindhouse' nasce come una sorta di "simulazione di esperienza" ad opera di Robert Rodriguez e Quentin Tarantino.
I due registi hanno voluto omaggiare certo cinema (composto principalmente dai generi più estremi, come lo splatter, la blaxploitation, il women in prison, il sado-nazi, il giallo italiano anni '70, i cannibal movie nostrani, ecc...) e i locali in cui veniva proiettato, le cosiddette "grindhouse", decadenti sale cinematografiche di quart'ordine frequentate da cinemari, appassionati nerd e barboni alcolizzati.
Nelle grindhouse (attive fino alla prima metà degli anni '80, ma ancora esiste qualche sopravvissuta) venivano spesso proiettati i "double feature", ovvero due film al prezzo di uno. Molte delle pellicole che arrivavano in queste sale, poi, erano ridotte in condizioni pietose.
Rodriguez e Tarantino hanno voluto riportare alla luce questo mondo sommerso proprio con 'Grindhouse', un'unica opera (da vedere, quindi, in una sola seduta) composta da due film horror, 'Planet Terror' e 'Death Proof'.
Non solo è stato portato a termine un vero e proprio double feature, non solo sono stati rispettati il genere e i toni di quella cinematografia scomparsa, ma alle due pellicole sono anche stati aggiunti i graffi e i difetti di stampa tipici delle pizze usurate, nonché una serie di quattro falsi trailer che pubblicizzano altrettanti film inesistenti ('Machete' di Robert Rodriguez, 'Don't' di Edgar Wright, 'Thanksgiving' di Eli Roth e 'Werewolf Women of the S.S.' di Rob Zombie).

Capirete come 'Grindhouse' non possa essere descritto in altro modo se non come il film più bello che sia mai stato creato nella storia di tutto.
Quasi troppo bello per essere vero.
E infatti...

Venerdì primo giugno 2007, nelle sale di tutta Italia uscirà una cosa chiamata 'Grindhouse - A prova di morte'.
È la metà di 'Grindhouse' diretta da Quentin Tarantino, uscirà nei nostri cinema in versione alterata (con un montaggio ed una durata diversa dall'originale) e molto probabilmente priva di qualsiasi falso trailer.
Il film di Rodriguez, 'Planet Terror', non si sa neanche quando e SE uscirà nelle sale italiane.
In America, invece, 'Grindhouse' è stato proiettato al cinema esattamente nella maniera in cui è stato concepito.

Visto che si trattava di un'operazione particolarissima tesa a ricreare l'atmosfera e il feeling di certo cinema, che senso può avere vederla divisa in due e rimaneggiata? Nessuno. In queste condizioni, 'Grindhouse' non ha più alcun senso. Sarebbe come vedere 'Memento' per la prima volta e trovarselo davanti rimontato in ordine cronologico. Una cosa priva del benché minimo senso.
E allora, per quale motivo questa meraviglia di idea è stata demolita e spezzata in due?

Mi dicono che è una strategia approntata per fronteggiare l'insuccesso di 'Grindhouse' nelle sale statunitensi.
Non è vero un cazzo: la divisione del film in due parti era già stata pianificata PRIMA che il film uscisse al cinema negli USA. Il fallimento al boxoffice ha soltanto reso una certezza matematica quella che prima era soltanto un'ipotesi estremamente probabile.
Per giustificare un simile comportamento, i fratelli Weinstein (in realtà è sempre Harvey quello che parla, ma vabbè) dicono che l'insuccesso del film è colpa della durata eccessiva, pari a 191 minuti, cosa che dovrebbe parargli il culo in stile "Eh, dura tanto e non ci è andato nessuno, quindi se lo dividiamo in due siamo più che giustificati".
Bene.
Allora andiamo su Boxoffice Mojo e valutiamo la validità di una simile affermazione, naturalmente facendo finta che la decisione della divisione sia stata presa DOPO l'insuccesso di 'Grindhouse' e non PRIMA, come è realmente accaduto.
Dopo una rapida ricerca trovo la classifica dei più alti incassi della storia del cinema a livello mondiale (aggiornata al 28 maggio 2007); vediamo quali sono i titoli di maggior successo e, soprattutto, vediamo quanto durano, anche perché - se quello che hanno dichiarato i Weinstein è vero - dovrei trovare tutti film che non superano le due ore.
Leggete:

1) Titanic (194 minuti)
2) Il signore degli anelli - Il ritorno del re (201 minuti)
3) Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma (150 minuti)
4) Harry Potter e la pietra filosofale (152 minuti)
5) Il signore degli anelli - Le due torri (179 minuti)

Toh! Non solo i primi due incassi della storia del cinema durano diversi minuti IN PIÙ di 'Grindhouse', non solo detta coppia ha incassato complessivamente una cifra allucinante (circa tre miliardi di dollari), ma se si va a vedere per bene si scopre che tra i primi cinque non c'è UN SOLO FILM che duri meno di due ore e mezza.
Ma allora non è vero un cazzo! Allora la durata di un film non influisce MINIMAMENTE sugli incassi!
Voglio strafare. Vediamo la stessa classifica con gli incassi aggiornati all'inflazione odierna:

1) Via col vento (222 minuti)
2) Guerre stellari (121 minuti)
3) Tutti insieme appassionatamente (174 minuti)
4) E.T. l'extraterrestre (115 minuti)
5) I dieci comandamenti (220 minuti)

Ahahahahaha, qui ce ne sono due che durano addirittura quasi QUATTRO ORE!
Ok, ok, i Weinstein non sapevano più che dire, ma allora qual è motivo per cui 'Grindhouse' non ha fatto una lira?
Provo a suggerirne uno: fare uscire un film pieno di mutilazioni, sangue, violenza, zinne e culi A PASQUA, beh, non mi sembra proprio un'idea brillante. Anzi, mi sembra proprio un'idea da stronzi, una di quelle che potrebbe venire soltanto ad un distributore italiano. Cioè, dai, a Pasqua al cinema ci vanno le famigliole; vanno a vedere le cose con gli animali parlanti e con la storia che finisce bene, e una bella fica con un fucile mitragliatore al posto di una gamba che si ritrova a combattere contro gli zombi non è una cosa che rientra nella suddetta categoria "per famiglie", anzi, dagli esercenti viene vista soltanto come un qualcosa di fastidioso che ruba schermi ai cazzibuffi parlanti con gli occhi dolci ed enormi.

Provo a suggerirne un altro: un film tanto particolare come 'Grindhouse', espressamente dedicato e diretto ad un certo pubblico, dovrebbe essere gestito in maniera accorta e non generalista, come si potrebbe fare con un qualsiasi 'Pirati dei Caraibi'. E allora, per quale incomprensibile motivo i Weinstein si sono rifiutati (nonostante le suppliche) di dare una copia di 'Grindhouse' alle - appunto - grindhouse ancora attive sparse per gli Stati Uniti?

In pratica, se 'Grindhouse' non ha fatto un soldo è colpa degli stessi Weinstein e il prezzo lo paghi TU.
Loro sbagliano e tu paghi.
Anzi, non solo paghi con una formula suicida DUE BIGLIETTI PER UN FILM, che farebbe mettere le mani nei capelli ad un qualsiasi direttore di supermercato, ma - ed è questo il vero oltraggio - paghi un prezzo salato per un qualcosa che non è più quello che ti è stato offerto originariamente.

Buttiamo giù un riassunto in maniera elementare e schematica:
- Prima annunci al pubblico di appassionati che presto metterai in commercio due particolarissimi film al prezzo di uno.
- Dopo aver visto le prime immagini e saputo i dettagli dell'operazione, è evidente che il prodotto è destinato ad un pubblico ben specifico ed ha un senso compiuto soltanto in quella forma "2x1".
- In America escono i due film particolarissimi e, in effetti, li paghi al prezzo di uno.
- Nonostante tu abbia fatto una cosa che piace soltanto al già citato pubblico di appassionati di nicchia (e questo era evidentissimo fin da subito), ti stupisci del fatto che quei due film vengono visti soltanto dal pubblico a cui erano destinati, che non è affatto numeroso.
- Nonostante ormai la frittata sia bella che fatta (dovevi pensarci prima), decidi che devi a tutti i costi recuperare i soldi che hai speso per quei due film e quindi stabilisci (in realtà l'avevi già deciso, ma per questa riga facciamo ancora finta di niente) che il resto del mondo avrà soltanto un film per volta, oltretutto DIVERSO da quello che avevi promesso e che il pubblico americano ha invece potuto vedere.

E allora sai che c'è? Che io col cazzo che vi do una lira, ma proprio col cazzo.
E che dio mi stupri se mi azzardo a comprare il DVD di un qualcosa che non sia il 'Grindhouse' che si sono visti gli americani nel giorno del debutto.
Non vi do una lira, dovete morire.

Ripeto il nocciolo della questione: finché si tratta di "Voglio i tuoi soldi. Me li dai in cambio di questo?" mi sta benissimo.
Quando però si arriva a "Voglio i tuoi soldi. Tu - e solo tu - però paghi il doppio, e ti prendi soltanto la metà modificata di quello che gli altri hanno avuto per intero e inalterato alla metà del prezzo che ho stabilito per te" allora significa che vuoi soltanto fare una gara a chi è più stronzo.

E facciamola, 'sta gara.

Fatto. Ho vinto: 'Grindhouse' me lo sono visto scaricato da internet.
L'ho visto e non ti ho dato un soldo. E ho visto quello vero.
Te l'ho detto: di soldi te ne ho sempre dati tanti, per un mare di cazzate, ma a tutto c'è un limite.
La rete è l'unico posto in cui, per i non-americani, è disponibile il vero 'Grindhouse'.
Attento lettore, me lo fai un favore? Domani stattene a casa e il cinema fattelo nel salotto, tanto la tua ragazza non ti dirà che "Sei uno sfigato", non andrà "Al cinema con Marco" e - visto che è una ragazza del mondo reale (e non di uno spot di merda) - sicuramente non capirà un cazzo di qualità di immagine e non noterà alcuna differenza con un vero DVD.
Stattene a casa, dai. Non gli dare una lira. Preferisci vedere 'Grindhouse' gratis o pagare una manovra finanziaria che serve a far quadrare il bilancio negativo di un imprenditore?
Dai, stattene a casa, stavolta tieniti i pantaloni allacciati.
Lo so, vedere un film (soprattutto QUESTO film) in quelle condizioni è uno strazio, una cosa che grida vendetta. Ti verrà da piangere, ma ne vale la pena.
Oppure sì, va bene, vai al cinema, poi però non venirmi a rompere i coglioni con George Lucas che bla bla bla troppe versioni bla bla bla volevo quella vecchia bla bla bla poi non la voglio bla bla bla, altrimenti ti caco in testa, occhei?

Certo, principalmente mi rode il culo a morte perché mi hanno distrutto il film più bello del mondo, ma è - fondamentalmente - anche e soprattutto una questione di principio.

Filippo Morelli - MORELLI'S MOVIE GUIDE


domenica 18.3.2007 22:59:54
guaranteed from unamanolavalaltra e i muCiSisti:



lunedì 15.1.2007 19:45:37
PhantaPhilm Group presenta:



sabato 21.10.2006 21:57:09
Danielone McKeats in Zeuse e Felice e la leggenda della marca da bollo:

Bello, sembra il titolo di un librofilm di Erri Potte. Comunque, qualcuno si ricorderà di Felice. Tutto il quartiere in subbuglio. File notturne alle poste, non per comprare la pasta, ma per rinnovare il passaporto. Tutti viaggiatori, nessuno c'ha un centesimo, ma all'improvviso tutti ad annullare (timbrare o come preferite) la marca da bollo. Io non capivo. Ritiratomi per attente ricerche, consultai i saggi della nostra epoca: da Zichichi a Simona Ventura, da Pippo Baudo a De Crescenzo. Poi capii la vera causa di tutto ciò: Felice il Saggio. Già, perché Felice il Saggio qualche rimasuglio di napoletanità ce l'aveva ancora. E allora che cosa ti combina? Ora ve lo dico, ma prima devo chiarire il concetto di napoletanità.
Spesso ho spiegato che Napoli vince nella collettività, lì la forza è la moltitudine. A Milano, per capire, vince il singolo. Non avete capito lo stesso? Esempio classico. Durante una delle mie pizzate a Napul, trovandomi sull'autobus, mi è capitato di assistere ad una spedizione di controllori. Sull'autobus la ola di bisbigli: "controllore, controllore..." fino a che tutto il mezzo si svuota, a parte 4 o 5 persone straniere che, ovviamente, erano le uniche ad avere il biglietto. La gente si aiuta per, diciamo, recuperare delle sfighe economiche congenite.
Due giorni fa Felice il tabaccaro, saputo (non si sa da chi) che il giorno successivo la marca da bollo per il passaporto, già aumentata nel 2005 da zio Berlusca a 40,29 euri, sarebbe arrivata a ben 99 euri - Prodi col passamontagna, perdio! - fa girare la voce a qualsiasi cliente, urgentemente ai suoi conoscenti, e insomma con la notizia pettegola che arriva fino all'amico dell'amico dell'amico, come in tutti i quartieri che si rispettino. Voce dovutamente preceduta dal termine "dice": "dice che domani la marca da bollo aumenta a 99 euri!"
Io, sconsolato, avrei ritirato il passaporto rinnovato solo il giorno dopo, in questura. Non avrei potuto approfittare dell'offerta. Ma poi il giorno dopo il poliziotto mi avrebbe detto (dice) che gli aumenti non riguardavano manco per il caz la marca da bollo. Naturalmente, per i miei pregiudizi sui poliziotti, non gli ho mica creduto. Però oggi sono andato in posta. Presa marca da bollo per passaporto, pagato: 40,29 euri. Visitati tutti i siti istituzionali, nessuno accenna a quest'aumento che dovrebbe essere già avvenuto.
Glielo diciamo tutti insieme? A Feliceeee, MA VAFFANCULOOOOOO! Tanto abbastano tutti i TG a fare sabotaggio governativo, però non ci massacrate anche per strada con la disinformazione, perlomeno non il tabaccaio di fiducia, sempre fonte (?) di grandi saggezze.
Ah, a proposito di poste, per rinnovarvi il passaporto (quindi mandarlo in questura, farvi aspettare i mesi e riprenderlo; ma se uno va direttamente in questura senza fare la fila no?!) si prendono ben 20 euri.



venerdì 22.9.2006 22:55:53
Danielone McKeats in Zeuse e FELICE, IL TABACCARO FELICE:

Felice emigrò da Napoli e si trasferì in una ridente città, di quelle dove si trasferiscono tutti perché c'è lavoro (sìììì, ciao!): Roma. Giunto nella capitale, con non troppi soldi ma neanche pochi, si comprò una piccola attività, una tabaccheria in un piccolo quartiere. Così non si arricchì, visto che nel piccolo quartiere le pizzerie falliscono dopo aver cambiato gestione, i negozi d'abbigliamento durano due mesi, e le uniche a campare sono le piccole attività storiche (barbiere, bar, tabacchi - appunto - che già c'era, forno, vinaro) che vendono perché sono tutti 'amicci' da anni. Pure Felice campò. Non ricco, ma manco povero. Io gli dicevo sempre: "Felice, èssi felice!", ma lui non rideva mai. Cioè, rideva alle battute degli altri, ma alla mia mai, ma le altre volte era spesso sorridente. Sì, posso dire che Felice era piuttosto felice, ma voleva esserlo di più.
Un giorno ebbe l'idea di fare più soldi. Mise un distributore di sigarette, di quelli automatici che la notte, se stai in crisi d'astinenza, c'infili le monete rubbate dalla fontana di Trevi con la calamita (vera storia: le rubava mio zio) e ottieni la tua droga legalizzata. Lo spacciatore miliardario di turno ringrazia.
Felice, però, aveva dimenticato le sue origini. Per capire quali vi racconterò al volo un aneddoto. Un giorno un gruppo di studenti napulitani venne nella capitale. Ad uno rubarono il portafogli sull'autobus. Quando andò in questura beccò il commissario napoletano che lo prese per il culo fino alle lacrime, insistendo sul fatto che un napoletano non poteva farsi fregare il portafogli, e per di più in trasferta. Probabilmente lo studente si suicidò. Ora, se non siete Simona Ventura, avrete capito cosa intendo con "Felice aveva dimenticato le sue origini".
Andò a finire come doveva finire. Trovai il buon Felice (quel giorno più Aldo che Felice) bestemmiare per strada in aramaico antico (del quale si è persa ogni traccia, ma lui l'ha ritrovata), imprecando contro i giovani "teppisti" di quartiere (nel quartiere si sopravviiiive, fratello... che ciai na sigaretta? che ciai mille liiiire? no, non te le do che ti ci compri la droga. Nun è veeeero, me ce compro er bijetto dell'autobusse) che gli avevano riempito la macchina capitalista di 500 lire. La stupida macchina, infatti, le scambiava per monete da 2 euri. La voce si diffuse in fretta. In fondo Felice aveva commesso un peccato capitale ed era stato punito dagli arcangeli mandati da iddìo.
Ora il nostro si è trasferito. Cento metri più in là, sempre stesso quartiere.



sabato 16.9.2006 11:47:10
Danielone McKeats in Zeuse e la GIUSTIZIA FAI DA TE:

colonna sonora obbligatoria: Atac di merda - Prophilax


nota per i poliziotti: tutto quello che segue è frutto della fantasia dell'autore, che sarei io. Lo specifico perché i poliziotti sono un po' di legno. Allora so' mejo i carabinieri. No, no, i finanzieri. No, i militari.


In quest'Italia di oggi, nell'Italia del più forte, ottenere giustizia è sempre più difficile. Così, nella frustrazione, si va avanti giorno per giorno, sòla per sòla. Pensate alle bollette del telefono, dell'acqua, della luce. Ogni tanto mille euro così, perché SI SONO SBAGLIATI, tanto qualcuno paga. Non hanno il tempo o la voglia di protestare, di fare causa, non hanno la forza di ribellarsi.
Anch'io pagavo sempre. Anche per due fermate di autobus, pochi minuti di trasporto, pagavo un euro. Onestissimo. Sono sempre stato una persona molto onesta, però esigo l'onestà anche dall'altra parte. Su questo non transigo, no no no. Era bello quando l'autobus, percorrendo la corsia preferenziale, superava le centinaia di automobili bloccate da loro stesse. Sempre ci illudevano che tutte le linee avrebbero adottato le preferenziali. Si pubblicizzava una grande rivoluzione. Ma poi aprii gli occhi ed avvenne pure un fatto: cominciarono a toglierne qualcuna. Aumentò, per nuovi buchi giuridici, la tolleranza verso le macchine. Privarono di qualsiasi potere il buon autiere che, al massimo, può telefonare (se dotato di cellulare di servizio funzionante) alla centrale che poco può fare. Una volta si chiamava il carroattrezzi. Mi sentii preso per il culo e la frustrazione aumentò.
Più tardi notai che ero uno dei pochi a timbrare il biglietto. Molti, all'atto dell'inserimento nella macchinetta infame che funziona sempre a cazzo di cane, mi guardavano come fossi un marziano; anche perché la macchinetta spesso mi suonava pure, come per dire che il biglietto era già timbrato, pure se non lo era, facendomi passare per il mariuolo (che si fa pure beccare) di turno.
Decisi un esproprio proletario. Sì, in questi casi lo è veramente, eccheccazzo. Onestamente, e con metodo gandhiano: disobbedienza civile. Da allora mi armai di 51 euri (perché, visto che nessuno paga, se ti arriva a casa la multa costa 101 euri, se paghi subito c'è lo sconto di 50) e ancora aspetto il fatidico controllore che mi dica: Bigliettooo... Bigliettooo... Nun cell'ho. Allora te faccio 'a murta!
E fammela, fammela, io non aspetto altro. Tanto mi costa molto di meno di quella sòla dell'abbonamento: 30 euri al mese per sta 3 ore al giorno fermi in una scatola di sardine.
Io mi segno quanto mi riduco. Quanto rubo, se preferite. Quanto riprendo, se usiamo un'espressione da me preferita e che rispecchia meglio la situazione. Nel portafoglio i 51 euri stanno facendo la muffa. Sono vecchi, piegati. Mi sa che il controllore, se mai si vedrà, neanche li accetterà. Cazzi suoi.
Segnarsi tutto è fondamentale e dà grande soddisfazione. Ti senti un piccolo Tronchetti Provera che calcola gli utili e scarica le bestemmie dei clienti su quei poracci dei call center.

nota 1: le aziende di trasporto pubbliche non falliscono perché si cuccano già i soldi delle tasse.

nota 2: finora sono stato... "rimborsato" di 216 euri.



giovedì 20.7.2006 14:53:12
Operazione: "Fatte 'na cultura 'ttanta coi Dirty Actions":



Adesi all'iniziativa SOSTENIAMO LE PENSATE GAGLIARDE, riportiamo paro paro il bando di concorso divulgato presso Lamette.it



Farsi una cultura costa fatica, sacrifici, rinunce e altre fregnacce del genere quindi dovete dare il meglio di voi per riuscire a conquistare questi splendidi premi messi in palio dal buon Johnny Grieco dei Dirty Actions. Per partecipare dovrete rispondere a una, a due oppure a tutte e 3 le domande poste qui sotto. Verranno premiate le risposte più sagaci, argute, salaci e mordaci e chi più ne ha più ne metta, quindi dateci dentro e spremete le meningi.

1) Voglio il doppio cd "Dirty Actions 1979-1982 – Manuale d'uso" perché...
2) Voglio il libro "Le Silure d'Europe – Estratto Concentrato" perché...
3) Voglio la maglietta del Catzillo® perché...


Le risposte dovranno contenere fino a 20 – 30 parole max esclusa la punteggiatura ma inclusi gli articoli determinativi e indeterminativi e gli emoticon. Siate stringati, sintetici non incomprensibili o troppo ermetici ma pregni e densi di significati. Non dimenticate di allegare il vostro maledetto indirizzo postale di casa.
Non perdete tempo a scrivere e inviare delle cazzate tanto per farlo, non serve. Se volete inviare disegnini, icone, immagini, foto dei bimbi, midi, proposte sessuali, numeri di cell, inviti a cena, generi alimentari etc. se proprio non potete farne a meno fatelo, ma sappiate fin d'ora che non verranno assolutamente tenuti in considerazione per la valutazione finale.
Il premio in palio, chiaramente, sarà quello indicato nella domanda a cui avete dato la vostra risposta. Ognuno può dare sino a tre risposte alla stessa domanda, non di più. Se poi siete tanto furbi da cambiare indirizzo IP per inviare più risposte e pensate che ne valga davvero la pena, fate come vi pare.

La giuria che esaminerà i vs scritti sarà composta da: Johnny Grieco, Il poverello.
A partire da ora fino al 20 agosto. Go!

Invia il tuo perché all'indirizzo info@dirtyactions.it


venerdì 30.6.2006 23:52:46
Fabbione in Dottor Original Catzillo:

da un omaggio di JOHNNY GRIECO dei DIRTY ACTIONS.

www.dirtyactions.it


lunedì 12.6.2006 19:31:01
PIANO SEQUENZA DI MORTE AL SHUSHI BAR:

"Bellissimo" Nocturno Cinema

"Un ampio immaginario in appena cento parole" Fondali Marini editore

"Avrei voluto scriverlo io" Dottor Kurando, di Unamanolavalaltra

"Scatta l'intuizione e non te lo togli più dalla testa" Morelli's Movie Guide


Nel suo personale SUSHI BAR, il vecchio BOSS della Yakuza, seduto davanti ad un TAVOLO di metallo, ricavato da un lettino usato per le esecuzioni dei detenuti, leggeva il giornale pregustando l'esclusiva ed esotica cena, mentre alle sue spalle le SCALE di marmo azzurro sembravano scomparire nel nulla, nascoste in gran parte com'erano dal soppalco di legno che ospitava, in quel preciso momento, in una sudicia VASCA da bagno riempita d'acqua a metà, LEI legata, imbavagliata e impegnata a cercare in ogni modo di liberarsi, SBATTENDO come un narvalo sulla spiaggia arenato
disperatamente
la coda…


Francesco Cortonesi


domenica 7.5.2006 16:45:29
da HELTERSKELTER di The Raven:

A CHI DICE CON ENFASI CHE SE LA BIBBIA E' IL LIBRO PIU' CONSULTATO AL MONDO UNA RAGIONE CI SARA' PURE, VORREI FAR NOTARE CHE IL SECONDO E' IL CATALOGO DELL'IKEA...

sabato 29.4.2006 3:59:23
PhantaPhilm Group (Astriaha production): ANTONELLO VENDETTA prova n.3




sabato 29.4.2006 3:58:06
PhantaPhilm Group (Astriaha production): ANTONELLO VENDETTA prova n.2




sabato 29.4.2006 3:57:40
PhantaPhilm Group (Jontom production): ANTONELLO VENDETTA prova n.1




lunedì 17.4.2006 23:16:39
Veleno settimanale:



sabato 8.4.2006 5:06:33
il PhantaPhilm Group:
Dove attecchisce il protagonismo sporigeno, noi siamo lì a demolirlo...





mercoledì 5.4.2006 15:47:09
PHANTAPHILM GROUP, UNCUT:



mercoledì 5.4.2006 15:42:38
PAR CONDICIO:

ELEZIONI 03/04/2006.

Prodi/Berlusconi a confronto.


Bruno Vespa (ovunque): "Bene, siamo arrivati alla fine del confronto, del confronto ordinario, avete due minuti e mezzo a testa per gli appelli finali, chiamiamoli così. Professor Prodi…"

Romano 'Nao' Prodi: "Ma. Credo che anche questo, anche il dibattito di questa sera abbia fatto capire che questi cinque anni di governo ci hanno lasciato un Paese diviso. Noi viviamo in un Paese profondamente diviso. Viviamo in un Paese diviso tra loro e noi, viviamo in un Paese diviso fra ricchi e poveri, in un Paese diviso fra meridionali e settentrionali, fra lavoratori e disoccupati, fra giovani e vecchi e un Paese diviso non può vincere le sfide di questo mondo. Non può vincere le battaglie che abbiamo di fronte. Non può vincere le trasformazioni della globalizzazione, che ci hanno portato la crescita a zero, che ci hanno portato a queste difficoltà così pesanti di questi ultimi cinque anni della nostra storia. Allora, noi, la nostra coalizione offre una squadra di governo coesa, unita, forte, abbiamo firmato un patto fra di noi, lo abbiamo sottoscritto e vogliamo andare avanti dando fiducia a questo Paese, di unirci per una battaglia comune, per riportare l'Italia al livello che l'Italia si merita, per ritornare ad essere tra i protagonisti del mondo, per ritornare a vincere. Ed è per questo che in questo appello io mi rivolgo soprattutto ai giovani. Noi daremo ai giovani i mezzi per poter diventare creatori della società e io chiedo a loro il coraggio, di rischiare, di misurarsi nella scuola, nel lavoro, con i loro coetanei degli altri Paesi, di lavorare per riportare l'Italia al livello che questo nostro grande Paese si merita. Questo naturalmente lo possiamo fare solo se abbiamo giustizia e armonia sociale. Non si fa questo in un Paese diviso e cioè vorrei terminare dicendo a tutti gli italiani, che noi viviamo bene, noi come singoli viviamo bene, solo se anche gli altri italiani vivranno bene."

Vespa: "Presidente Berlusconi…"

Tadanobu Berlusconi: "Credo di dover fare tutto e di più, affinché non ci fossero divisioni nel nostro paese. Ci sono tante ragioni ideali, concrete, per scegliere Forza Italia e La Casa delle Libertà. Ma io voglio darvi tre concretissime ragioni in più per determinare il vostro voto. La prima: la sinistra vuole ripristinare l'imposta sulle donazioni e sulle successioni anche per piccoli patrimoni, come ad esempio un appartamento di ottanta metri quadrati in una periferia. Con noi queste imposte sono state cancellate e resteranno cancellate. La seconda ragione: la sinistra vuole aumentare al ventidue per cento la tassazione dei bot, dei cct, dei dividendi azionari, cioè del vostro risparmio. Noi vogliamo invece mantenere l'attuale imposta al dodici e cinquanta per cento ed anzi, ridurre anche il prelievo fiscale sui conti correnti bancari, al dodici e cinquanta per cento. La terza ragione: la sinistra vuole aumentare i valori catastali degli immobili per triplicare le tasse sulle case. Per noi la casa, la prima casa è sacra, come è sacra la famiglia. Per questo, aboliremo l'ICI! Avete capito bene. Aboliremo l'ICI su tutte le prime case e quindi anche sulla vostra. E' una decisione coraggiosa ma profondamente sentita. In questi cinque anni abbiamo lavorato duramente. Potevamo fare di più, forse potevamo fare meglio, ma l'Italia è un'azienda complicata. Ora dobbiamo continuare il lavoro intrapreso, portarlo a termine, per costruire uno Stato più moderno, più efficiente, che sappia garantire e difendere i nostri diritti, la nostra sicurezza, la nostra libertà. Avevamo detto "La Forza di un Sogno: Cambiare l'Italia". Lo stiamo facendo. Scegliamo di non tornare indietro. Scegliamo di andare avanti."

mercoledì 5.4.2006 15:32:34
il PHANTAPHILM GROUP presenta:



regia: Takashi Miike
nazione: Giappone/Italia
anno: 2001/2006
durata: 2.09 ore/2.30 min
cast: Silvio Berlusconi (preferito a Tadanobu Asano), è Kakihara. Romano Prodi (incarnato in Nao Omori), è Ichi. Shinya Tsukamoto, è Jijii. Paulyn Sun, è Karen (as Alien Sun). Susumu Terajima, è Suzuki. Shun Sugata, è Takayama.

domenica 26.3.2006 21:55:50
Veleno Settimanale:
giovedì 12.1.2006 20:04:41
Motosegaurlante:

Al contrario di voi che millantate imprese eroiche,

il sottoscritto viene da Villa Gordiani e lì ci ha passato l'infanzia, ovvero a Centocelle.

Potrei raccontare a voi borghesi cosa significhi fare le scuole medie alla Giuseppe Toniolo a Largo Agosta, sempre Centocelle, dove vige l'unica regola, quella del più grosso: in prima le prendi sempre, in seconda le prendi e le dai, in terza le dai (ma io talvolta/spesso continuavo a prenderle uguale, visto che c'erano anche ripetenti in terza media di diciotto anni. Diciotto.).

Non che fosse Saigon, intendiamoci ma ogni tanto quando racconto qualche aneddoto i miei amici borghesi sgranano gli occhi e tra loro si meravigliano che un loro amico possa aver avuto un passato del genere.

A Villa Gordiani (nota anche per la scena di "La Banda degli Onesti", nella finta sepoltura del cane) ce passavo i sabati pomeriggi a giocà a pallone: due squadre da sei contro sei, giacchetti nella polvere come pali, e via, manco ci vedesse Pasolini buonanima. "Fio de na mignotta" e "Tu madre è una sgarata in fregna" era il complimento migliore per il gol segnato o per il rigore parato.
Una volta presi un fracco di botte da uno da cui m'avevano anche messo in guardia. Era più basso di me ma cento volte più cattivo. Giocava davanti e io baldanzoso mi offersi di marcarlo. La prima volta che gli tolsi la palla e la spazzai via lui si girò verso di me e mi prese a cazzotti negli occhi, ma a mano aperta, come per i frontini, così c'era anche l'umiliazione: "che cazzo fai? eh, allora, che cazzo fai?" diceva.

Lo stesso ragazzino una volta mi chiese se potevo aiutarlo con Italiano - perché io ero il secchione della classe. Venne da me e mia madre ci preparò il té con i wafer al cioccolato. La stanza mia era piena di stronzate, tipo i Topolino e i libri della Mondadori per bambini.
Lui mi disse alla fine del pomeriggio che aveva capito perché ero bravo a scuola: "Hai una famiglia" mi disse.
E io in quel momento mi sentii così imbarazzato e così inspiegabilmente in colpa che speravo mi riprendesse a frontini negli occhi.

Quando venne a casa mia per la festa del mio compleanno, si tirò fuori dalle tasche delle biglie, non quelle di vetro classiche, quelle belle, striate e colorate, che andavano di moda in quegli anni. Le tirò fuori dalla tasca della tuta e me le regalò, così, sfuse. Mi disse che l'aveva levate ai coglioni del cortile, che erano sue e che adesso erano mie.

Ovviamente è l'unico regalo di cui mi ricordo in quella festa.

Lui è un altro diedero fuoco ad una macchina, infilandoci dei raudi accesi nel tubo di scappamento. La carcassa bruciata è rimasta davanti alla Standa di Largo Agosta per mesi.

Una volta venni preso di mira da due tizi di terza che per le due settimane di carnevale si appostarono tutti i giorni all'angolo del bar, dove mi bloccavano e mi riempivano tutto di schiuma.
Lui mi convinse a farci a botte, io e lui insieme, così la piantavano. Io accettai ma alla fine ci fece a botte solo lui perché io al secondo cazzotto ero già in trattativa. Le prendemmo tutti e due, ma le cose finirono lì.
Quel giorno fu memorabile perché capii per la prima volta che non era importante vincere a botte per ottenere rispetto: era il fare a botte in sé che garantiva il rispetto.

In terza venne uno da un'altra sezione, una specie di Gascoigne cattivo che quando era buono però era Alberto Sordi. Uguale, talento comico innato e mosca al naso immediata.
Si pestarono davanti alla scuola dopo due settimane e Gascoigne, facendo finta di non voler fare a botte con lui, aspettò un attimo, lo lasciò partire e lo prese sullo slancio: gli afferrò la testa per i capelli lunghi e gliela sbatté varie volte sul cofano di una macchina parcheggiata. Gli ruppe il naso e lo lasciò sanguinante sul marciapiede. Poi gli sputò addosso, dicendogli che sua madre era una puttana. Ma non come dire "figlio di puttana", quanto piuttosto "ricordati che tua madre fa la puttana", una verità del quartiere che andava rivelata.

Io questo non lo so, perché a casa sua ci sono stato solo due volte: per vedere Sotto Shock di Craven e per giocarci insieme una volta a carte. Il pomeriggio delle carte lui mi fece vedere una cosa divertentissima: prendeva gli elenchi del telefono e le Pagine Gialle, li lanciava in aria e se li lasciava sbattere sulla testa. Poi mi fece vedere che era capace di lanciare un'arancia fino al palazzo di fronte. Prese l'arancia e dalla finestra di cucina - non dal balcone - scagliò l'arancia che spaccò la finestra di un appartamento del palazzo di fronte, due piani sotto al suo.
La madre la vidi una volta sola, stava sempre nella stanza da letto e sì, l'ho pensato che quanto meno si faceva mantenere dagli uomini.

Vabbé, basta così: è inutile raccontare anche di gente che menava i professori, che gli bucava le ruote della macchina, che faceva la corsetta di educazione fisica a cazzo di fuori (un cazzo enorme perché era il ripetente di diciottanni) finché il prof non se ne accorgeva, di una mia compagna di classe che si faceva la doccia con le calze addosso, di una che ovviamente si faceva pagare per fare i pompini al cesso, di una che giurava di essere stata la prima in Italia ad aver fatto un bambino in provetta.

Le medie a Villa Gordiani.
Se pensate che ho fatto le elementari dalle suore, potete immaginare che scuola di vita.

mercoledì 4.1.2006 19:03:16
Dottor Macario:
Il capodanno di Baritonale è stato veramente uno spasso... mentre lui era alle prese con culi e pirofile de cocaina io sono stato risucchiato dai fasti della belle epoque parigina con lo spettacolo della Berta e le sue BlueBelle a Muccassassina... Elogi al travestito esibito come una raro animale catturato durante i safari esotici dei papponi milanesi? Ah! Sciocchi! Provate l'ebbrezza a cento gradi che può provocare la più grande tempesta di piume di struzzo che possiate mai sperimentare nella vostra vita! Uno spettacolo di tre quarti d'ora di paillets, frange, gonnelline plissettate e corpi verniciati d'oro che cercano di splendere almeno quanto le labbra imbalsamate di glosse. Esplosione finale con una dolce pioggia di strasse sul pubblico in delirio. C'è anche la clone di Madonna. Proprio clonatissima: capelli phonati rosso fuoco e body viola con chiappe all'aria. Salgo al secondo piano e già sulle scale si fanno inquietanti incontri: una trans brasileira alta un kilometro mi scaraventa addosso una mano che cade dritta sul mio pacco come un condor sulla preda.
Mi incazzo.
Gli scaravento addosso una cascata di insulti che rimbalzano senza lasciar danno sulla sua armatura di silicone. La transona mi deride dietro le sue tette abnormi che galleggiano oltre la stratosfera. Allora mi ricordo ciò che nel tempo della mia adolescenza mi aveva detto Vladimir Luxuria: "Ricorda... dove non può la natura... POSSONO I TACCHI!". Sferro con precisione chirurgica una spazzata stile Vega di Street Fighter II al sottile stelo di metallo lungo 15 centimetri. La transona barcolla come Godzilla e cade al rallentatore sulle forme pneumatiche dell'amica evitando di finire in pezzi alla fine della scala come nel finale della Morte ti fa bella. Scuote la criniera in vetroresina e mi lancia uno sguardo fiamma ossidrica. Ma io già troneggio 5 gradini più in su di lei, abilmente posizionato di tre quarti (così la vita sembra più stretta...), e gli rispondo con uno sguardo laser. La passivella che saltella nel mezzo rimane incenerita. Decido che basta e salgo al secondo piano dove c'è la black e la dark room. Le avranno accostate a proposito? Superata la foresta di frocione tutte sorelle segrete di Cristina Aguilera salgo così al terzo piano sperando di incontrarvi qualche maschio e in effetti sbatto contro ad un muro di granito. La voce più testosteronica che potete immaginare mi risponde un "Ahh! Sorry..." Alzo gli occhi, già grossi e luminosi e pieni di stelline tipo Candy Candy, e vedo uno dei cubisti californiani venuti per lo spettacolo di strip. Tutt'intorno alla mia figura si sviluppa un effetto Francesca Dani, con luce diffusa e sognante, ma sono ancora anestetizzato quando mi rendo conto che Brad (così la locandina dice che si chiama il nerboruto individuo) è già andato via. Ma non mi perdo di speranza ed ecco che di lì a poco compare Fabio, una mia vecchia conoscenza di questa estate. Fabio è carino e non gli manca niente: un bel viso con tanto di sopracciglioni, una corpo perché no ed e pure simpatico. Manco 30 secondi e capisco che ce sta a provà come un disperato. Evviva!!! Ma una volta giunto a teneri contatti scopro che c'ha un fiatellone alcolico tipo Sue Ellen. Non je la posso fa... "Ehummmm... scusa vado un attimo in bagno...", "Ok a dopo..". Cinque minuti dopo sono sulla tangenziale che sfreccio verso la fiera di Roma a vedè com'è. Dicono che dopo le due è gratis. Arrivo. Un boato di gente e GRATIS UN CAZZO! 35 euri... faccio un rapido calcolo e mi rendo conto che sono 1/3 di box di Magic... Inaffrontabile visto che a febbraio esce la nuova espansione... Risalgo in macchina che sono ormai le 5 e c'è Carmen Consoli che canta nel mio stereo. Vado a letto che sono le 5 e mezza.
Alle 10 e 30 del mattino torna mia sorella e apre la porta di casa urlando frasi con la voce di Pappalardo. Un'occhiata veloce a eMule e scopro che ho finito di scaricarmi Ghost in the shell... Ah che bello...
Alla televisione vari servizi sui capodanni del mondo... c'è pure quello di Barcellona...
Spengo la TV e accendo una MS che ho fregato a mia madre.

ieri 3.1.2006 19:25:10
Il CAPODANNO di EL BARITONAL:

capodanji baritonale

cari, il mio capodanno lavorativo si è svolto al night club pineta, uno dei "club" più fashion d'italia.
Totalmente di vetro all'interno, sembrava la casa di basileus ne i tredici fantasmi con cactus etnici alti due metri sottovetro e lampadari di murano rosso, e blu, il tutto accompagnato a divani di pelle LUCIDA che ricoprivano tutto il locale, allora al nostro arrivo per fare le prove di suono, alle tre di pomeriggio troviamo enzo il caposala che mentre accoglie noi in maniera semi sorridente tratta male delle negre che cercavano di pulire in due l'immenso locale, il sorriso al gagliardo enzo sparirà quando, assente il nostro albergo, da contratto a carico loro, scoprirà di dover pagare delle stanze nell'unico albergo rimasto libero in quel momento, ovvero il vicino "ARCADIA" quattro stelle...

noi si fa le prove e ci si va a rinfrescare
si torna alle otto e ci si va a cambiare, vestiti di lino bianco e camicie nere con fronzoli argentati, dei figurini, il vestibolo però è uno da dividere con le hostess della serata, in men che non si dica io me ne vado in bagno in quanto libero e con un paio di sedie e posto tranquillo per cambiarsi d'abito.
dopo poco entra una che comincia a cambiarsi di fronte a me, io rotto a tutte le esperienze pur non filandomela assolutamente noto che la ragazza, oltre e sfoggiare intimo filoideo è anche caruccia e discretamente lobotomica...

riesco a mettermi il vestito bianco senza macchiarlo ed esco, gaudio e tripudio, al di fuori dei camerini i culi si sono moltiplicati e tutti noi red wagons belli, bianchi e barzotti decidiamo di andare a cena.
poco prima di scendere però possiamo incontrare un altro tizio di nome enzo, ovvero il capo del servizio hostess, che nella serata si prodiga di dire testualmente con accento milano total, "allora ragazze state bene a sentire, dovete stare in sala tutto il tempo, e vi do tre minuti per pisciare, voglio figa e tanga di fuori, e ogni tanto bagnatevi i capezzoli", poi guarda noi e fa allora siete di roma, io vivo a roma ma certo che lì le discoteche sono all'età della pietra, e ogni volta che passava una delle sopraccitate hostess interveniva dicendo "FIGA FIGA QUANTO SEI FIGA, TE LA SUCCHIO TUTTA LA FIGA!", il tutto con delle pupille grosse come piattini da caffè, per tutta la coca presente...
poi ad un certo punto passa una tizia alta quanto me con due tette gigantesche, e lui fa vieni, eva, o ragazzi lei è eva, cioè io la chiamo maurizio ma lei è eva, è un travestito vero, dice tastandole pacco e tette con gridolini tenorili in risposta, ovviamente volendo il tizio stupirci continuava con la storia del travestito, al che io me ne sono uscito con una delle mie migliori sfrociate dicendo "essai che novità bella mia" e devo essere sembrato genuinamente frocio, perché poi è tornato a complimentarsi con le vagine hostessiane...

insomma andiamo a mangiare e si cenava coi camerieri che avevano già mangiato, quindi il mio cenone di capodanno consiste in una porzione di cannelloni freddi e un bicchiere di vino bianco (fatto con la pasticca, perché quello buono lo tenevano per i clienti...)

quindi cominciamo a suonare e arrivano i clienti, premessa
- entrare con cenone a buffet costava 300 euro, senza cenone, dopo 150
- noi suonavamo su un palco rialzato costruito in mezzo al locale

io pensavo di essere impermeabile a qualsiasi visione muliebre, sia quantitativa che qualitativa dopo aver suonato a miss italia, ma devo dire che la massa e se dico massa dico massa, di perizomi vista in quella serata è eguagliabile solo in un vecchio peplum tipo "maciste nella preistoria"
e qui scatta la prima considerazione sulla voglia di esserci della gente e di come andrebbe riaperto birkenau, allora c'erano persone, 25-40 anni che venivano ovviamente da tutta italia, e io povero pazzo pensavo venissero tutt'alpiù da roma, invece c'era gente venuta dalla sicilia come dalla svizzera, ovviamente terroni e napoletoidi, ma devo dire che l'egemonia burina si stendeva a tutto l'orbe terracqueo...
foto con telefonini, videochiamate inquadrando questo o quel culo, bevute del miglior champagne comprato a cassette e versato nel bicchiere della coca cola appena svuotato... ZICLON B

insomma suoniamo, io dalla mia posizione privilegiata vedo solo tette e culi scolli e colli, di rimando la gente non ci si incula manco di striscio se non sui pezzi che ricordano vagamente la musica più "dritta" tipo tecno et similia... e tutti magnano e bevono che pare un film di fellini, altra considerazione

...fashion fashion ma sempre state a spigne in fila con la cravatta in tasca prima che finiscano le crocchette...
poi brivido, terrore e raccapriccio completi scuri e neri di buon taglio e fattura con sotto quegli orribili scarpini da ginnastica extra slim...

ZICLON ZICLON!!!

quindi dicevo noi suoniamo e nessuno ci si incula ma manco minimamente a parte un paio di ragazze e un frocio che inequivocabilmente punta il sottoscritto... poco prima di mezzanotte veniamo interrotti per l'evento della serata, ovvero una cicciona che legge l'oroscopo... apocalipse now... l'attenzione si concentra, in un attimo nessuno più mangia e tutti ascoltano, commenti in sala "che ha detto del toro?", "ciao lo sai che io sono dei gemelli"... dopo dieci minuti di saturno al bucio del culo sale la capa delle hostess, una quarantenne con le tette di fuori, ma veramente di fuori che comincia a fare gli auguri ricambiata da tutto il locale e invita sul palco il vip della serata, tale elena santarelli, una tizia dell'isola dei famosi alta e bionda che dice per un quarto d'ora AUGURI AUGURI, allora la scena è questa, questa tizia mi stava esattamente accanto, con minigonna inguinale, ripresa da almeno 800 cellulari con telecamera, il delirio, ad un certo punto mi sento tirare una gamba (ricordate le mia posizione sopraelevata...) e un ciccione che pareva un personaggio di dick tracy mi dice "ti do 250 euro se le fai una foto sotto la gonna col mio telefono" e mi porge concitato e sudato il telefono...

ZICLON

tutto il resto passa abbastanza velocemente, dopo la mezzanotte improvvisamente tutti vogliono divertirsi e si sforzano anche di ballare su quello che suoniamo, appena scesi dal palco ovviamente la bolgia, io salto giù sembrando quello dell'olio cuore e vengo subito avvicinato da una che avrà sui quaranta, totalmente di plastica e gomma che mi porge un calice dicendo AUGURI, nel frattempo, complice il caldo torrido in sala sudore e culi si mescolano come in un romanzo di gibson, io ripongo il basso da qualche parte e esco a prendere una boccata d'aria, e trovo la seguente scena, il tibetano, sassofonista dei red wagons, noto arrapato che però, vista la massa di roba si è totalmente involuto, mentre fuma una sigaretta fuori dal locale, vede una ragazza palesemente in crisi alcolemica ma non se ne rende conto e comincia ad attaccarci bottone (eh che termine anni 70... vintage baritonal) quando arrivano le amiche e l'ubriachezza è palese, lui vantandosi di essere un massaggiatore esperto comincia a massaggiare la malcapitata proclamando di poter far passare qualunque sbornia, prima la schiena poi casualmente il petto, e mentre le sta massaggiando la fronte essa non se ne avvede e sgotta centrando in pieno il vestito di lino bianco del suddetto tibetano...
applausi...

per il resto scene da jerry calà e comitiva al mare, coca negli angoli e gente che tromba dove capita, manca solo la frase "ragazzi anche quest'anno è finita l'estate..."
napoletani trattati malissimo dai buttafuori
gente sgradevole, quarantenni lampadati e tirati a lucido con denti che si vedono al buio e che puntano le 20 enni, chiamali scemi, peccato che io non abbia coca da offrire...
sto ancora un po' nel locale a vedere un po' ballando e un po' seduto la gente, e ce ne sta parecchia a fare da tappezzeria e secondo me a chiedersi "come cazzo ci sono finito qui"
verso le quattro esco questa volta da davanti perché non mi va di rifarmi la discoteca intera, e orrore ci sono almeno cinquecento persone che stanno in fila ad aspettare l'ingresso che ovviamente è a selezione, quindi essere griffati e zinnerelli...
la mia serata si conclude al cornettaro fuori alla discoteca dove solo con 10 euro prendo una coca e un panino... bello il capodanno, O gradi, una coca e un panino e attorno il delirio...
o attenzione, non sono certo l'eremita, io nel mio piccolo mi sono divertito e anche un po' scosso, alla fine ho lavorato, sono contento anche se la musica non interessava a nessuno, i soldi non mi dispiacciono affatto.
mi ritrovo però a pensare sia alla voglia di protagonismo della gente, l'esserci sempre e comunque, sia poi a quanto siano coglioni di conseguenza, perché questo locale non è certo lo studio 54 con effetti visivi di prim'ordine, l'animazione consisteva in bariste con tette e culo di fuori (totalmente) e cubilte con culo e tette di fuori (memori dell'insegnamenti del buon enzo...)
sono tornato in albergo e come da prassi ho svuotato il frigo bar... conto al club "pineta"
qualcuno vuole un pacchetto di loacker?

martedì 8.11.2005 23:47:33
ElCoevoDiPanzer: Vero, Melt Banana formidabili, ricordo la loro cover dei Queen, musica dall'oltrespazio... Meno male che sei un brav'omm, mi dai fiducia nel domani e anche nell'oggi...

Comunque avere la figa anale nel cuore è roba che manco i migliori chirurghi, manco Barnard...

martedì 8.11.2005 22:15:33
Panzer: a quell'epoca che dici te era pure l'epoca in cui io stesso ero capellone e avevo anche gli anal cunt nel cuore.
oggigiorno sono un bravuomo ma al posto del grind mi sento i melt banana e te li consiglio entro oggi
.

martedì 8.11.2005 22:03:30
ElVecchio: Qui tradisco la mia anagrafe, ma quando ero lungocrinito possedevo gioiellini preziosi tipo un lp Napalm Death in vinile rosa carne con screziature sangue e un EP Anal Cunt (mitici) color marrone merda (detto da loro, non da me)

.

martedì 8.11.2005 21:21:24
Panzer:aaaaaaaaah finalmente una citazione che mi garba!
mi ricordo che quando non c'era internet per vedere le foto dei cadaveri ci guardavamo le copertine dei carcass
.

martedì 8.11.2005 21:05:42
SouthOfElvezio: Anche i Carcass prendevano i testi dai libri, PanzerOne...

martedì 8.11.2005 20:38:57
Panzer: che cazzo rega', gli slayer, dico gli slayer
basta co il rock coi testi presi dai libri

martedì 13.9.2005 17:14:29
il Dottor Kurando e le novità dell'ingegner Zeuse McKeats: Ma come, dovresti sprizzare gioia.
Lo ZeuseCommenter è una tua creatura e non dico sempre, ma ogni tanto credo sia prestigioso apportare migliorie al sistema.
Come vedete, da oggi si può andare a capo e si possono lasciare

tutti


gli spazi che volete.

Buonecose

martedì 13.9.2005 10:32:27
Danielone McKeats:Ora dovrebbe andare
a capo.

Contento Fabbione?

domenica 10.7.2005 13:06:48
Fabbione in SIAE + Major del Disco + Megastore: Sul ponte sventola bandiera bianca... (prima o poi).


domenica 10.7.2005 13:06:01
Manlio Sgalambro: Latenti shock addizionali, shock addizionali sveglia, sveglia kundalini, sveglia kundalini per scappare via dalla paranoia come dopo un viaggio con la mescalina che finisce male nel ritorno.


domenica 10.7.2005 13:05:13
Fabbione: Ho sentito urla di furore di generazioni, senza più passato, di neo-primitivi rozzi cibernetici signori degli anelli orgoglio dei manicomi. Ho incontrato allucinazioni. Stiamo diventando come degli insetti; simili agli insetti. Nelle mie orbite si scontrano tribù di sub-urbani, di aminoacidi.


domenica 10.7.2005 13:04:40
Franco Battiato: Shock in my town... velvet underground...


mercoledì 8.6.2005 10:27:14
Fabbione in Dottor Difendendo: Bellecose Schifatone, il Paolone non ha mai badato all'aspetto estetico delle cose, anzi, il narcisismo piacente e belloccio lo ha sempre combattuto a suon di azioni destabilizzanti. E poi le gesta del Paolone superano di gran lunga i suoi tratti somatici. Si è fatto tre anni di galera perché spacciava corde di chitarra elettrica e plettri fatti di plastica pericolosa. Organizzava concertoni epocali di artisti celebri e poi ci suonava lui. Adesso però è un'altra persona. Paga regolarmente le tasse e sfama un'intera comunità di uomini bisognosi.


domenica 5.6.2005 13:10:30
Schifato: Diobbono quanto è brutto il ricciolone nella home page. Ma chi è???


venerdì 13.5.2005 22:23:42
Nietzsche (già Lenin): Fotti il buonismo, annichilisci il politically correct, respira pagàno...!


martedì 26.4.2005 14:41:31
Fabbione in Dottor Cursed: Ho davanti i titoli di coda di Cursed. E il voto passa da 5,5 a 6-, che in sostanza è strauguale, ma come impatto visivo è completamente diverso. Pensate ai compiti in classe di matematica al liceo. Un 6- per me era un votone, proprio per la presenza sul foglio del 6. Anche 5,5 era un signor voto, ma mai quanto il 6-. Nella mia testa un 6- era promozione assicurata. Ben presto dovetti ricredermi! Passo brevemente a Cursed. Il film ha un pregio notevole. E' divertente. Fosse stato pensato per la tv, avrebbe strappato la sufficienza abbondante, compresi tutti i suoi imbarazzanti effetti speciali. Ma per il cinema, la mediocrità se la comanda! Quindi il voto è un connubio fra schermo gigante e tubo catodico e quindi un onesto 6-. E il vecchio Craven ha sempre quel classico tocco americaneggiante; quelle immagini pastose e riconducibili a un immaginario anni 80, tipiche appunto del cinema di zio Wes. Bellelune.


martedì 26.4.2005 12:55:45
Fabbione in Dottor Kurando: Visionato per tre quarti Cursed di Wes Craven. E dire che l'atmosfera del film è fica e ricorda molto i pellicoloni tipo Ammazzavampiri, c'è ironia velata simile a quella del floppone Vampiro a Brooklin (sempre di zio Craven) e il fratello della Ricci recita niente male. La trama, almeno fino ad ora, sembra un rifacimento paro paro a Wolf con Jack Nicholsone lupo. Ma il vero calcio al culo per noi poveri spettatori che al cinema non c'andiamo, risultano drammaticamente i LUPI! Gli stessi abbacinanti de L'Alba del Giorno Dopo!!! Ridicoli, a scattoni, ultra-digitalizzati e mascheroni. Ma come cazzo se fa! Domani concludo l'inutile visione e se c'ho qualcosa d'aggiungere l'aggiungo. Dopo 1 ora precisa, voto 5,5. Craven (da quando bazzica quel minchiaro di Williamson), si conferma cineasta per giovani di età compresa fra 15 e i 19 anni. Noi dodicenni siamo fuori, non c'è un cazzo da fare. beimanari.


venerdì 18.3.2005 23:31:45
Lenin: Caro drugo Fabbione, Vincent è un caghetta che gigioneggia atteggiandosi a pallido bello e maledetto alla johnnydepp e parlando male... del Socialismo?! Vabbè l'anticonformismo, vabbè sfanculare la trita e ritrita figura dell'attore "impegnato" di sinistra (sta sui maroni anche a me), ma minchia sei un motherfucker americano e che mi fai, lo snob antisocialista? E pensare che "Buffalo '66" era proprio bello... e sei nel giusto per quanto riguarda "Fratelli" di quel grande Bukowski della cinematografia che è Ferrara (anche se il gigante in quel film è il fratello obeso di dio Sean Penn, Christopher, già ebete campagnolo in "Footloose"). Muerte alla playstation, meglio una pippa, magari melanconica! E dopo questa perla di saggezza, un saluto vibrante al grande Fabbione e a voi tutti, amici de las noche...


venerdì 18.3.2005 14:14:05
Fabbione in Dottor Kurando Pugilando: "Magari poteva essere interessato ad allenarmi…" "Io non alleno ragazze." "Forse dovrebbe. Chi mi segue mi considera una tosta." "Ragazzina, tosta, non basta!". Eastwood, il grande Clint Eastwood. E il suo Million Dollar Baby. Sudore, fatica, sangue, dolore fisico. Dolore mentale, struggente. Una sfida con la realtà. La legge del corpo che annulla fantasia e desideri. Una viscerale, bellissima parabola discendente. Clint, un gigante. Il suo personaggio, irraggiungibile. E poi tanta ironia. Tagliente, irresistibile. Giù il cappello a nonno Clint perdio! Per Lenin. Hai ragione, lo studio mi tiene ancora a galla, ma preme, preme taccisua, preme e non ti lascia un attimo. Quel tipo di esami frollano il cervello, lo rincoglioniscono invece di forgiarlo. Letteralmente. E allora tocca controbattere, con energia, a colpi di film, lettura e tanta musica! Sempre. Metodo e disciplina, nient'altro. Il tempo si trova. Cascasse il mondo. Vedo molti miei compagni d'avventura che confondono la mancanza di tempo con l'apatia e la pigrizia mascherate da playstation e televisione! Questi ultimi due mezzi rompono il culo e se non fruiti in quantità limitata confondono le idee e basta. Altro discorso. Vincent Gallo. Debbo sapere. Rispetta la tremebonda promessa. Dimmi tutto su Vincenzo (la parte più intensa che ha recitato è lui morto dentro la bara nel 'Fratelli' di Abel Ferrara. E non è una battuta). Per concludere, anch'io tifo Buscemi. Stammi bene e tante bellecose.


venerdì 18.3.2005 0:19:27
Lenin: Ciao a tutti gli onanisti-leninisti infaticabili frequentatori del sito. Finalmente tra il pattume globale del web qualcosa a modino... (basta complimenti ora, che è roba da cicisbei col neo). Mr. Fabbione in grande spolvero, come fai a sentì tutta quella musica e a vedè tutti quei films ? Studente, nevvero? Approfitta, che poi vengono i cazzi... Da qualche giorno ho preso coscienza che Vincent Gallo è un cojone: peccato, mi sembrava un tipo a posto (basta che non mi deluda Buscemi). Detto questo mi congedo da voialtri con una tremebonda promessa: ci sentiremo presto... Ciao nì
.

giovedì 24.2.2005 2:10:26
UNO DEI MOTIVI PER CUI DIEGONE E' DIVENTATO SUINO.:



sabato 12.2.2005 14:16:10
PhantaPhilm Group PRESENTA (come Alfred Hitchcock): Locandina PACCHIANUS!!!!!:


giovedì 10.2.2005 13:27:55
Patrick Bateman: al momento la tavolata gradisce: Panka Rock degli Skiantos (da MONOtono - 1978) = ma si possono richiedere brani dal Juke Box ???


sabato 5.2.2005 4:38:21
Un Commosso Fabbione in Dottor Kurando: Venerdì 04/02/2005, ore 19:39 e 49 secondi, Patrick Bateman è entrato prepotentemente nella storia di questo sito! Abbiamo deciso che da ora in avanti, tutti i venerdì 04/02 ore 19:39 e 49 secondi di ogni anno, verrà acceso un candelone per ricordare le sue gesta rivoluzionarie! NON CI SI CREDE!!! Sei riuscito ad infilare un'immagine su questo Commenter, che pensavamo riuscisse a malapena a digerire i nostri inutili interventi! Ma come cazzo hai fatto? Sei il mio dio sceso in terra! Bateman c'ha aperto nuovi orizzonti!


venerdì 4.2.2005 19:39:49
Patrick Bateman:



martedì 23.11.2004 11:39:55
Benjamenta/Marcone: Il sottoscritto ha visto 'Se mi lasci ti cancello' e lo ha apprezzato non poco. Sfortunatamente posso confermare che la gente al cinema rideva a forza alla minima smorfia di Jim Carrey aspettandosi una delle sue gommose espressioni e bisbigliando "...dai, adesso farà parlare il culo come in Ace Ventura". Chi ha messo quel titolo al film è un mentecatto e la questione dei trailer che non c'entrano un cazzo coi film è un mio personalissimo cruccio da un po' di tempo. Vedere il trailer di 'Donnie Darko' (per chi ha avuto la fortuna di gustarsi il film in anticipo) per credere. Brutteebellecose.


venerdì 19.11.2004 18:11:25
Fabbione + Dottor Kurando: Visionato in solitaria SONATINE di Takeshi Kitano. Un capolavoro senza eguali!!! Una commistione tra la violenza tutta kitaniana di Brother e le incantevoli immagini come quadretti ad acquerello di Hana-bi. Il tutto arricchito da un'ironia invidiabile (un paio di scene entreranno di diritto nel vostro immaginario). Ragazzi vi prego perdio, guardatevi SONATINE. Arrichisce l'animo. E accendete la televisione solo quando è in funzione il videoregistratore. Altrimenti tenetela spenta quella bastarda scatola di nullità. Bellecose.


martedì 26.10.2004 0:33:18
Fabbione: Michael Mann è Michael Mann (chi non ha visto Manhunter e Strade Violente, allora ha ancora tutto da scoprire)! COLLATERAL è un action movie con i controcoglioni! Fotografia magistrale, regia da applauso instancabile, un Tom Cruise al top, una metropoli votata al buio della notte e tante piccole imperfezioni e ingenuità che rendono l'opera davvero appetibile. Attenzione! Il film va visionato senza farsi troppe pippette mentali sulle numerose sequenze un po' forzate che vi si pareranno davanti. Spettacolo garantito!


 

martedì 20.7.2004 16:56:05
Fabbione: Ascoltato con l'attenzione che si merita il nuovo disco dei Per Grazia Ricevuta. Sembra di riascoltare i mai troppo grandi C.S.I. Il brano numero 6, I MIEI NONNI, è un pezzo incredibile, di quelli definitivi. Applausi...

 

martedì 8.6.2004 18:59:10
danielsan: Che ridere, finalmente, dopo il rivoluzionario rasoio con tre lame che ci ha cambiato la vita un po' a tutti, ecco un'altra genialata del marketing. Il rasoio con quattro lame. Ma come avranno fatto a pensarci??? Vi rendete conto? Quattro lame per tutti! Sarà un mondo migliore! Allora io a questo proposito avrei un'idea da lanciare. Perché non ci mettiamo insieme e brevettiamo un rasioio con sei lame e quattro strisce emolienti? Pensate quanto ci rimarrebbero di merda i signori della Gillette, il progetto del loro super-nuovo rasoio a cinque lame sarebbe già superato ancor prima di uscire!

 

martedì 11.5.2004 0:27:38
Fabbione: Sì, sembra che col loro bagliore accechino gli autovelox! Come i compact disc che tempo fa il cittadino medio aveva preso ad attaccare sul vetro posteriore della sua auto (il più vicino possibile alla targa). Si vociferava che il riflesso del disco avrebbe coglionato le fotocellule delle guardie stradali. Siii, ciao! Una cosa però è simpatica. Se ci fate caso, i dischi vergini nella loro parte copiabile sono sempre di un colore verdino o celestino. Mentre quelli originali sono argentati, come fossero uno specchio. Identici a quelli sfoggiati da sti signori sui loro bolidi, in pratica. Guardate attraverso i vetri delle loro macchine parcheggiate e vi accorgerete che attaccano dischi originali di autori puzzonissimi. Se non altro un merito ce l'hanno, perché stanno togliendo dai coglioni un po' di musica indegna. Grazie automobilisti 'tutti uguali'! Evviva i girasoli segnalati da Kons. Quelli li trovi da Ikea, te li tirano appresso... Da domani vado in giro con un cazzo di gomma formato 40x30 (palle comprese) che sballonzola dietro la mia utilitaria. Vediamo se la moda attecchisce. Bellecose.

 

lunedì 10.5.2004 16:46:24
Kons: Piccola osservazione: stamattina immersa nel traffico della tangenziale li ho contati, una ventina circa, due per ogni macchina, tutti della stessa grandezza, finti, situati dietro. Sto parlando dell'invasione dei GIRASOLI nelle macchine femminili, ma per caso stanno diventando d'obbligo come le cinture di sicurezza??? Smack.

 

venerdì 7.5.2004 17:14:35
Marcone: Chi di voi ha visto la pubblicità dell'ultimo prodotto delle leggendarie Micro Machines? Diciamocelo, un po' tutti da piccoli ne abbiamo avuta almeno una e, in quanto pischelli (non ancora soggetti al fascino delle ideologie) non badavamo tanto a giocare con una pattuglia di micro-carabinieri o una volante di micro-pizzardoni (pizzardone= vigile urbano). Fin qui tutto normale. Ma mentre me ne stavo sbragato sul letto ecco che alla tv passa lo spot incriminato. L'ultima Micro-trovata sono "i Micro-Carabinieri Italiani in missione di Pace". No, non sto inventando, anzi, a quel "in missione di pace" è data nello spot anche una certa enfasi. Propaganda educativa per piccole menti ancora influenzabili dal fascino dell'autorità e della divisa? Follia? O solo mancanza di idee e soggetti da miniaturizzare (ci credo poco a quest'ultima possibilità)? La domanda, comunque, nasce ora spontanea: cosa distinguerebbe la vecchia macchinetta con la scritta carbinieri da quella nuova dei "carabinieri in missione di pace"? Io immagino i suoi Micro-abitanti che invece della divisa nera e rossa sfoggiano frivole vesti tinta arcobaleno. Al posto di ostentare la solita smorfia severa, regalano sorrisi da benefattori. Al posto dei manganelli (comunemente usati per ammaccare le ideologie) hanno bastoni di zucchero filato da elargire ai bisognosi selvaggi colonizzati e mitra che invece delle solite raffiche di pallettoni, elargiscono pillole di saggezza e dosi di democrazia. Per non parlare del rispetto, della stima e del clamore di cui godrebbero questi nuovi Micro-personaggi al cospetto del restante Micro-universo. Eroi, li chiamerebbero sicuramente gli altri Micro-omini, facendo vibrare festosi colpi di clacson dalle loro colorate Micro-vetture al loro passaggio a sirene spiegate (non si tratterebbe comunque di volgari sirene, ma di sirene che intonano l'Inno alla Gioia). Non ci resta che attendere le prossime, rispettabilissime, creazioni: il Luna-Park di Guantanamo e la palestra di addestramento di Bolzaneto dove i nostri "carabinieri in missione di pace" possono imparare i rudimenti su come pacificare e civilizzare futuri territori occupati e selvagge civiltà. Micro-saluti a tutti e... Micro-riflettiamo!!!

 

giovedì 29.4.2004 21:32:49
Fabbione Takashi Tsukamoto.: Se con un gesto dell'indice titillate la rotellina del mouse su questo Commenter, proseguendo a titillare dovreste scendere fino al mese di Ottobre 2003. Si parlava di Kill Bill di Quentin Tarantino e di tutte le sensazioni che le prime due ore del film avevano suscitato. Da parte mia i punti di vista non erano tutti rose e fiori, ma oggi, a distanza di mesi, ho finalmente scoperto dove risiedeva la magagna. Col senno di poi, dopo essermi goduto in estasi la seconda parte della pellicola, il responsabile delle mie perplessità è stata l'idea suicida (ma vincente al botteghino) di suddividere il film in due parti. In realtà Taranto voleva presentarlo tutto insieme, ma i produttori avevano proposto di tagliare alcuni pezzi per ridurre di un pochino il minutaggio. Nulla da fare, a quel punto era meglio tranciare il film in due. E così è stato. Quindi, è futile oramai parlare di prima e seconda parte. Amici, dico solo che ieri sera al cinema mi sono riconciliato con Quentino! Anzi, lui mi ha preso a pizzoni dietro il collo per tutte le critiche che gli avevo avanzato, semplicemente incantandomi con la sua arte! E valutato quindi da una prospettiva più completa, il volume 1 non è più "disgraziatamente" artefatto, ma "volutamente" artefatto. Ma attenzione però… sempre se il film lo si considera nella sua interezza! Quentin ha confermato ciò mi aspettavo da sempre: possedere la capacità al 1000 per 1000 di forgiare a piacimento qualsiasi genere cinematografico. Di renderlo senza tempo. Universale. Unico. Come solo pochi sanno fare. Come Kubrick, tanto per citare un Dio. Tarantino ieri sera ha dimostrato quanto la sua maturità registica sia ulteriormente cresciuta. Un film perfetto. Perfettissimo. Memorabile dal primo all'ultimo minuto. Ogni singola inquadratura andrebbe trattata con un discorso a parte. Uma Turman, immortalata dai suoi obiettivi, è già leggenda! Un'icona globale! Tutto l'episodio della sepoltura, il pre-matrimonio, l'uomo Bill, l'amico vecchio di Bill, la donna orba infame, il mamba velenoso, il maestro stronzo e pignolo di arti marziali, l'amore di mamma Uma... Incredibile. Da vedere e rivedere. Non ho parole perdio! Sono annichilito. Troppo bello... e comunque, proprio a voler fare i ragazzini, il Vol.2 è strasuperiore al Vol.1. Tiè! Bellecose.

 

giovedì 29.4.2004 16:32:43
Marcone: Preoccupato dal fatto che la puntata di giovedì scorso di BLU NOTTE - MISTERI ITALIANI che doveva occuparsi di Mafia non fosse andata in onda come annunciato, ho scritto alla redazione e oggi mi è arrivata questa risposta: "Ci scusiamo con i telespettatori per non aver trasmesso giovedi' 22 aprile, come annunciato, la puntata del programma BLU NOTTE - MISTERI ITALIANI sulla mafia. Il programma non e' potuto andare in onda perche' non e' stato riconosciuto come una trasmissione informativa riconducibile alla responsabilita' di una testata giornalistica come prevede la legge che regolamenta la programmazione televisiva in regime di campagna elettorale." Che qualcuno si senta direttamente tirato in causa quando si parla di Mafia? Eh sì. Ho scoperto che in periodo di campagna elettorale non è possibile fare informazione, satira (anche Mai Dire Gol, per voce dell'editore, è stata invitata a non fare satira politica) o ricordare la triste storia del nostro paese. Ma in fondo non sono proprio informazione, satira e memoria i principali nemici del 'potere'? Aspettando tempi migliori...

 

venerdì 23.4.2004 18:30:49
Fabbione (fondamentalista Ateo): Se proprio c'è bisogno di scomodare Gesù Cristo e i suoi apostoli, se proprio non se ne può fare a meno (tipo una pisciata improvvisa in un luogo pubblico) allora bisognerebbe rivisitare l'opera restaurata di Pier Paolo Pasolini: Il Vangelo secondo Matteo. Se invece siete persone che fanno tendenza, allora non vi resta che barca(menarvi) nella Passione di Cristo di Mel Gibson. Come volevasi dimostrare, l'opera di Mel ha fatto scalpore nel mondo (ma chi cazzo lo abita il mondo?) e come tutte le opere che hanno il dono di fare scalpore (mediatico), la Passione di Cristo è sorretta da una metà di sostenitori accaniti che gridano al miracolo (di Cristo!) e l'altra metà che vorrebbe Gibson stesso alle prese con la croce. Fatto sta che io mi ritrovo in questa seconda schiera di sostenitori blasfemi. Peccato, perché il Gesù attore possedeva una sua fisicità interessante, ma non puoi permetterti di raccontare una storia vecchia come la bibbia e cadenzarla con un linguaggio cinematografico 'hollivuddiano' e quindi facilmente codificabile dalla massa (che s'impressiona abbestia!). Perdio gli farei vedere Cannibal Holocaust 24 ore su 24 (e allora il tizio mi dice: 'va bene, però la violenza in quel film è troppo gratuita!!!' e io rispondo 'sì, perché la Passione di Cristo fischia! C'è tanta di quella violenza e sangue fini a se stessi, che l'inventore dello Splatter si starà rivoltando nella tomba!). Vabbè, per concludere, allego una recensione (recuperata sulle pagine del Mucchio) di Dario Zonta, personaggio che stimo molto. Bellecose. Mi ci sarei giocato le palle, che il ritorno di Gesù sugli schermi sarebbe stato una buffonata costruita ad arte! Amen... la parola a Zonta... Che cosa vuole essere La Passione di Cristo? Secondo le intenzioni di Mel Gibson deve essere un film realistico, anzi iperrealistico, che testimoni le ultime dodici ore della vita di Gesù di Nazareth. Una ricostruzione ravvicinata e sanguinolenta dei patimenti corporei inferti al figlio di Dio. L'atto di "fede" di un neoconvertito che vuol dimostrare, con la forza di immagini violente e insostenibili, che cosa ha dovuto subire il Cristo a causa di romani ed ebrei e per la salvezza del mondo. Che cosa è quindi La Passione di Mel Gibson? Il realismo portato agli estremi che trasforma il film in uno "horror-splatter" di serie B, ovvero il contrario di quello che voleva essere (non testimonianza, ma pura finzione). Gibson ci vuole dire (nel trasporto di un "atto di fede" che non ha mai un momento di spiritualità né di fede, dimostrandosi, nei fatti, ateo): "Vi mostro com'è andata veramente": percosse, frustate, bastonate e quant'altro (in una lettura dei Vangeli che appare sin da subito deforme ed eccessiva e tale da trasformare la Passione in una mostra delle atrocità medievali). Alla fine l'eccesso viene catalogato dall'uditorio (ben abituato alla violenza al cinema, anche quando estrema) all'interno di un genere, l'horror, nelle maglie di una "specialità" cinematografica, il peplum (come tra l'altro la scena del terremoto dimostra). Come viene percepita La Passione? Dalla comunità ebraica come un film antisemita. Da quella cattolica (e fondamentalista) come un atto di testimonianza. Entrambi gli approcci sono pericolosi e ingiustificati e tali da nobilitare un film che non va preso molto sul serio. Tacciarlo di ideologia (pur presente, ma entro il raggio, ben corto, della propensione di Gibson) vuol dire, appunto, dargli quell'importanza che non ha. Il film è una mostruosa operazione di mercato che sfrutta e alimenta un sentimento di angoscia e insicurezza; lo stesso sentimento che le politiche internazionali fomentano a garanzia di scelte "di parte".

 

martedì 9.3.2004 2:31:41
Fabbione: Cercate in mezzo alla feccia cinematografica un regista davvero valido, con ancora molte cose da dire? Allora date una possibilità a Matteo Garrone e il suo L'Imbalsamatore. Peculiarità del cineasta sono gli spunti che prende da fatti di cronaca realmente accaduti per poi costruirci sopra una storia del tutto personale. Garrone è romano e la storia dell'Imbalsamatore vortica intorno a tre personaggi: un nano, un ragazzo e una ragazza. E sono sicuro che la fonte da cui il cineasta ha attinto, riguarda la storia del Nano della Stazione Termini descritta magistralmente da Vincenzo Cerami nel suo libro Fattacci (consigliatissima la lettura).

 

giovedì 26.2.2004 13:08:56
Fabbione dottor Kurando: Da morire dal ridere (ma neanche tanto)! Letto sulla rubrica Rovad di Andrea Scanzi. Il giornalino 'Musica!' decide di ritagliare appositamente una rubrica per il leader degli Skiantos, Freak Antoni... Egli racconta la vicenda:... "Tenevo una rubrica di opinioni 'Allo sbaraglio' nel settimanale 'Musica!' de 'La Repubblica', ma commisi l'errore, o forse l'imprudenza di criticare malamente i Nomadi attuali, giudicandoli 'il miglior gruppo di cover dei Nomadi'. Questi ultimi si sono inkazzatissimi e hanno minacciato la querela... per risposta, la coraggiosa redazione de 'La Repubblica' ha pensato bene di chiudere la rubrica. Eccovi un quadretto espressivo e vissuto del giornalismo musicale italiano". COERENZE si chiama il pezzo di Andrea Scanzi.

 

lunedì 16.2.2004 18:49:31
Viviana: Skiantos al Villaggio Globale! Hanno suonato per un'oretta abbondante, credo, proponendo alcuni classici e altri no, - ma tanto non è un gruppo che se non conosci tutti i pezzi rischi che al concerto ti annoi - gli unici pezzi che ho distinto io sono stati Ti amo terrone e la canzone sul carabiniere che ha l'amica che si chiama Luisa. Non hanno fatto Io sono un ribelle! a meno che non era la prima canzone in scaletta (che mi sono persa). Peccato, ci tenevo. Freak si è presentato con una maglietta che nascondeva una vistosa protuberanza fino all'altezza dell'ombelico e che ci ha detto essere un'ernia comprata ad un sexy shop; durante il concerto è salito sul palco anche un componente degli Skiantos della prima ora, e insieme hanno suonato come chitarre un paio di scope di saggina; Freak ha suonato anche - veramente - un pezzo alla batteria (lo tiene il tempo, a parte qualche scivolone). Hanno provato a coinvolgere il pubblico soprattutto con Ti amo terrone esortandoci a proporre tutti insieme luoghi comuni dell'italiano medio, quei motivi per i quali tutti noi amiamo l'i.m. così tanto; ha tirato fuori i classici cartelli per incitare entusiasmo e applausi spontanei e così via di seguito. Ma vi dirò la sincera verità: nel complesso a quel concerto gli dò 7 meno perché di fondo, quello che ho percepito è che il divertimento dei ragazzi, o meglio, degli attuali ultra-quarantenni è chiaramente agli sgoccioli, e l'unico che abbia davvero (ancora) il carisma beffardo che fa autentico un gruppo demenziale è Freak Antoni; strascicato anche lui però!!! Purtroppo un gruppo del genere non può non mostrare la trama dopo tanti anni...

 

giovedì 12.2.2004 19:28:38
Fabbione: Bellecose amici, ho appena terminato di visionare Rivincita di Natale del sommo Pupi Avati. Tempo fa io e Daniel Mc Keats, da poco approdati a Napoli per la consueta spedizione "tutti da Michele a magnà a pizza margherita co a pummarola 'n coppa", ci siamo imbattuti in un'edicola (subito fuori dalla stazione centrale dei treni) che vendeva a prezzi irrisori le videocassette originali della Avo Film di Regalo di Natale. Roba da collezionisti, altro che i Dvd delle mie palle! Approfittammo dell'incredibile possibilità di rivederci questo filmato sconosciuto ai più e comprammo ognuno la sua copia (ovviamente il McKeats prese un'inculata gigantesca, mentre a me fortunatamente andò bene). Insomma, tornato a Roma me lo sono goduto a notte fonda, un po' come, quand'ero più piccino, a notte fonda lo trovavo trasmesso in tivù sui canali della rai. Un film incredibile, cinico e molto realistico. Così, parecchi anni dopo, Pupi decide di proseguire la storia con questo nuovo capitolo Rivincita di Natale. A detta sua, pare che nel tempo molti dei suoi estimatori avessero preso l'abitudine di proporre al cineasta possibili sviluppi per costruirci sopra un nuovo film. E talmente numerosi debbono essere stati i consigli, che Avati ha deciso di rimettersi al lavoro, più per amore della pellicola che per meri guadagni economici. E insomma, il nuovo film non mi è dispiaciuto affatto. Il comportamento dei protagonisti è direttamente proporzionale alla modernità dei tempi che viviamo. Quindi si assiste a una superficialità di base di alcuni loro atteggiamenti e alla brama di ottenere tutto immediatamente e con qualsiasi mezzo. Splendido infatti il modo in cui Avati mette in mostra il benessere che ci circonda, attraverso gli infiniti interessi che svuotano le persone per renderle spietate davanti agli altri. E paradossalmente i personaggi che mostreranno un barlume di umanità saranno proprio i due nemici per eccellenza, ossia Diego Abatantuono e Carlo Delle Piane (incredibile la sua interpretazione nel primo film). Ci sono ottime scene di tensione durante la partita di rivincita a poker e nell'insieme l'intreccio non è per nulla forzato e gira che è un piacere. Insomma, non un capolavoro, ma di certo consigliato a chi ha amato e rispettato Regalo di Natale. Bellecose.

 

sabato 31.1.2004 11:23:30
Nicola Orselli: Ciao fabbione, grazie, credo che sia giustissimo cercare di boicottare la musica protetta (mortacci loro), l'importante è comunque non trascurare le produzioni di un certo livello, soprattutto per chi, come me, è ansioso di scaricarsi musica fica agratise, e il tuo (vostro?) sito è una mano santa in questo... un salutone e alla prossima!

 

venerdì 23.1.2004 20:15:26
Fabbione in Dottor Kurando: Ciao Nicola (vorrei chiamarti Nicolone, ma il rafforzativo sul tuo nome di battesimo non crea l'effetto sperato. Ho provato pure con Orsellone, ma non va). Grazie per i complimenti al sito e per seguirci nell'ombra come i samurai! Condivido appieno il tuo punto di vista, però ti sei dimenticato un fattore di primaria importanza. L'idea di mettere ogni due settimane un po' di musichetta d'ascoltare, è scaturita dagli odiosi cd originali muniti di PROTEZIONE. Quest'ultima, come ben saprai, non permette di potersi creare una copia ad uso personale. Ed ecco che ci è giunta l'illuminazione di mettere a disposizione di tutti solo gli artisti che fanno uscire le loro fatiche con questa ridicola costrizione tecnologica. Quindi noi cerchiamo di rimediare solo questo tipo di uscite discografiche, capisci? Il fatto di mettere gente del calibro di Mogway o Giardini di Mirò sarebbe eccellente, ma i loro dischi sono sprovvisti di protezione e quindi li lasciamo perdere (sapendo benissimo che se uno smanetta un po' nella Rete riesce a trovare pure le incisioni dei Radiohead mentre sono al cesso a cantare a squarciagola). Che dire ancora... beh, che una piccola soluzione ci sarebbe, visto che nell'"angolo spudorato" riposa in pace una finetrella denominata Fermata a Richiesta! Se la tua fantasia galoppa di pari passo alla nostra, dovresti intuire la sua nobile utilità (scrivendomi una mail in privato ovviamente). Spero avrai intuito, su per giù... Per concludere con un bel lieto fine posso anticiparti i titoli protetti dell'immediato futuro: Beatles, Beth Orton, Doves, Cooper Temple Clause, The Neptunes, Chemical Brothers... Come vedi la carne al fuoco non manca davvero...e la brace stai pur certo che non la faremo freddare neppure sotto minaccia!!! Bellecose.

 

venerdì 23.1.2004 13:51:28
Nicola Orselli: Ciao a tutti, complimenti per il vostro ottimo sito (che seguo in silenzio da tempo), se mi posso permettere una piccola considerazione personale "l'angolo spudorato della musica" qualitativamente parlando, rispetto a qualche mesetto fa, è un po' calato... si potrebbe mettere... che sò... qualcosa dei Giardini di Mirò... Mogwai? Grazie e in bocca al lupo.

 

sabato 22.11.2003 15:58:55
I direttori Fabiuzna & Marcouzo: La data odierna certifica l'avvenuto pagamento del bollettino postale che permetterà al dominio Unamanolavalaltra di campare da signore per tutto il 2004. In termini più fruibili al navigatore medio, la cosa significa trascorrere un'altra stagione insieme all'insegna del cazzeggio, della condivisione e della masterizzazione musicale. Lunga vita a noialtri! Bellecose. La direziò.

 

mercoledì 5.11.2003 12:40:31
Fabbione (tornato nuovamente comune mortale): Il disco che sta girando nel mio lettore e che riscalda i lunghi pomeriggi nella mia stanza, è la nuova fatica di Francesco Di Gesù, in arte Frankie Hi-NRG. In due brani, vi partecipa anche il grande Antonio Rezza. Molto presto inserirò i due brani nell'Angolo Spudorato della Musica, cliccando su Fermata a Richiesta. Così avrete modo di ascoltare un breve assaggio della splendida arte di Antonio Rezza. Appena saranno disponibili vi do un avviso (di garanzia... quello che ci daranno le guardie se continueremo ad inserire pezzi coperti da copyright... ma solo per amore del Sapere!) Bellecose.

 

lunedì 3.11.2003 15:02:18
Fabbione (in causa da un anno con Silver Surfer e Wolverine per rissa aggravata): Messaggio rivolto a Danielsan: tanto per chiudere definitivamente il cerchio di Tarantella Quentella trallallà, non dimentichiamoci altre due scelte registiche già abusatissime nei suoi film precedenti: 1) L'importanza che conferisce alla colonna sonora, con la sua rara capacità di fonderla magistralmente alle immagini (quindi tanto di cappello e che lo rifacesse in tutti i suoi film futuri). 2) La trama del film spezzettata in episodi, flash-back e salti spazio-temporali. Cazzarola, anche questa manovra devi ammettere che ha un pochino rotto i coglioncini. Vogliamo parlare ancora di novità? La novità seria ve la do io! Ho appreso dall'attentissimo Marcone che il film 'de paura' per eccellenza, il super ricercato dai collezionisti d.o.c. "Gli Invasati" di Robert Wise (dal mitico romanzo La Casa Degli Invasati di Shirley Jackson... leggetelo e cacatevi sotto dalla paura!), mai tradotto in italiano, è finalmente disponibile in DVD con tanto di traduzione o sottotitoli di ogni sorta. Appena lo rimedierò a prezzo ragionevole, tenterò una visione collettiva con chiunque ne sia interessato.

 

lunedì 3.11.2003 13:51:35
Saggio: A Daniè, ma cosa dici? Ma quali immagini elementari e asettiche? Caro utente del cinematografo, non giochiamo! Tarantatretrentini ha girato il film alla sua maniera e non sono d'accordo che usa l'accetta coi personaggi... semmai, ne sfrutta di meno come numero! E comunque credo che molto debba ancora essere detto nel secondo episodio... tuttavia va detto che la regia, escluso il ruolo della Uma come profuma, sembra un po' distaccata... passando ad altro... caro Daniele, se tu ti stai facendo fare una spada da Ettore Manzo, sappi che io sono appena entrato in possesso della mitica spada di Ghemon... e come disse il conte Max, mò sò proprio cazzi!

 

sabato 1.11.2003 3:49:43
Fabbione (conoscente di Margulis e amico fraterno di Benjamenta.): A proposito, tra una quindicina di ore avrò l'opportunità di vedere da vicino Bob Dylan! Suona al PalaLottoMatica e già ho espressamente chiesto di farmi lavorare nel posto più tattico accanto a lui. Chissà quando avrò mai l'occasione di rivederlo? Che gioia amici miei, non potete capire. Bob Dylan...

 

sabato 1.11.2003 3:37:10
Fabbione (amico del Dottor Kurando.): Finalmente una voce fuori dal coro alimentata dal sommo Danielsan! Cogliendo l'occasione per rispondere a Daniele e sfruttando la circostanza per controbattere anche al Saggio, vorrei precisare che nessuno di noi si aspettava un quarto film della serie iene-pulp fiction-jackie brown-kill bill. Anzi vi dirò di più: considerata l'avvilente attualità in cui il mondo versa da due anni a questa parte, mi sarei aspettato un Tarantino più maturo e meno cazzeggiatore, chessò, un gigante purosangue alla Spike Lee il cui suo ultimo film (la 25° ora) è da vedere e rivedere. Quentin è un genio, oramai è assodato e credo di non esagerare quando affermo che uno spazio consistente fra i grandi registi di tutti i tempi Tarantino se lo sia bello che ritagliato da tempo! Ma non è questa la chiave di tutte ste benedette parole. La risposta alle nostre perplessità riguardo il film (speriamo cancellate a Febbraio dalla seconda parte) paradossalmente ce la fornisce Danielsan (su un piatto d'argento direi)! Dici che è l'idea che vince! Secondo me invece non è una grandissima idea la sua. Purtroppo ha fatto uscire il film in tempi sospettissimi, proprio quando è tornata in voga questa tendenza a rimescolare tutto di tutto, a fare cross-over improbabili alla Freddy contro Jason (genere horror anni '80), o a esperimenti fortunatamente riusciti come Matrix (solo il primo), che mescola dentro di tutto e di più o, tornando indietro nel tempo, a quella zozzeria di pellicola dal titolo Cose Molto Cattive dove si accennavano i primi passi del rimescolamento abbestia!!! (allora io mi chiedo… perché si mettono a fondere e mischiare invece di tentare nuove strade? Forse mancano le idee? O tanto per rinverdire il salvadanaio?). Fermi tutti però, perché Danielsan si riferiva a un altro tipo di idea, ossia la Vendetta. D'accordo, ma mi sembra un po' pochino. Dici: "I personaggi quasi non esistono e i dialoghi sono al limite dell'insignificante perché è l'idea che vince. Tarantino ha fatto un film basato sull'idea, sembra dire: questo è quello che intendo io per vendetta, voglio farvi vedere cosa è la vendetta, darvi immagini così elementari, quasi asettiche, che facciano passare il concetto nella maniera più chiara." Continuo a sostenere che come intento mi sembra assai scarsetto. Seconda ed ultima questione, non meno importante. Subito più in basso scrivi: "Forse chi si è seduto sulle poltrone del cinema e si aspettava di veder continuare un filone è rimasto deluso, ma chi si è seduto con il solo gusto di vedere che cosa ci proponeva questa volta il buon Quentin è rimasto stupefatto." Scusami, ma io da curioso spettatore che non si aspetta nulla, non sono rimasto per niente stupefatto. Semmai divertito. Porcaputtana, secondo il tuo punto di vista pare che Quentin abbia stravolto totalmente il suo modo di fare cinema al punto da non riconoscerlo e quindi fargli le pulci in automatico. Ma è il contrario cazzo!!! Io ci ho visto il solito Tarantino, solamente un pochino più sottopressione per via di chissà quali compromessi con la produttrice Miramax multimiliardaria. Torno con la memoria alle scene del film (chiedo venia se alcune mi sfuggono). Allora, le donne super travestite, super fighe e super attillate che già troviamo quasi uguali all'inizio di Jackie Brown. Il pezzo dell'infermiere mercenario che per quello che combina nella sua corsia (far scopare i suoi clienti con donne in stato vegetativo) e per l'auto super colorata e un pochino napoletana, non può non ricordare lo schifoso Zed e il suo chopper in Pulp Fiction (Hai capito pezzo di merda? Con te non ho finito neanche per il cazzo! Ho una cura medioevale per il tuo culo… Marcellus Wallace). Più "tantissimissime" inquadrature che ricalcano un po' troppo il suo stile di ripresa. Vogliamo parlare della telecamera piazzata nel portabagagli (classica immagine alla Tarantino)? Tiè, su quest'ultima inquadratura voglio venirti incontro suggerendo che forse lo ha fatto apposta per citare proprio se stesso. E la sai la cosa più brutta qual è? Che questa pellicola verrà maggiormente apprezzata da quel tipo di pubblico che non ha nessuna preparazione sul cinema di genere (a cui - ripetiamo per la milionesima volta - Taranto si rifà). Lo stesso pubblico che tutto d'un botto diventa critico e super-esperto e bastona un vero film culto di quelli seri seri seri: The Blair With Project (ed ora venitemi a rompere il cazzo… sentiamo se qualcuno di questi cazzari ha qualcosa da ridire). Io la vedo così Daniè… in Kill Bill è davvero tutto (s)forzato, ma ovviamente girato alla perfezione. Troppo impeccabile, cazzo. La vuoi sapere l'unica immagine che mi ha irruvidito l'epidermide ed ha acceso qualcosa dentro di me? A inizio film, quando appare quel logo color rosso vinaccia scritto in giapponese, come se fosse una vecchia casa cinematografica che presenta il suo prodotto scadentissimo! Non lo so ma quell'immagine sporca, col fruscio, in analogico e con quello stemmone impresso, mi ha trasmesso dei brividi d'intenso piacere. Il resto tutta plastica, digitale e fantascienza repressa (i guerrieri mezzo volano mezzo no…il purista Bruce Lee si starà rivoltando nella tomba dionano!). N.B. Le scene gore si meritano un applauso di un quarto d'ora! Uma che mozza teste e gambe e quei tronchi umani che cominciano a schizzare come fontanoni romani!!! Con quel sibilo…pppsssccciiiiiiuuuuuuuffffffff!!!! Eccezionale!!!). Un bacio a tutti, meno che a Bill, che a quanto pare sembra proprio un gran figlio di mignotta. Bellecose notturne (guardate che cazzo di ora ho fatto per digitare parole parole parole).

 

venerdì 31.10.2003 20:29:43
danielsan: Mi permetto un parere in qualità di presente alla proiezione di mercoledi scorso, non sono molto d'accordo con quello che ho letto qui sotto e cercherò di spiegare il perché. Forse in molti si aspettavano, anzi, tutti si aspettavano, anche il sottoscritto, il film carico di storia-storie, personaggi, fitti dialoghi, contenuti. Diciamo la verità, ci aspettavamo il quarto film della serie iene-pulp fiction-jackie brown-kill bill. Invece ci siamo ritrovati il quarto film della serie iene-pulp fiction-jackie brown... kill bill. Nei primi tre la caratterizzazione dei personaggi, geniale e approfonditissima, la faceva da padrona e trascinava lo spettatore verso un coinvolgimento pieno e senza possibilità di distacco, in un'immedesimazione totale o in un rifiuto nauseato dei ruoli sullo schermo. In kill bill, secondo me, la genialata è un'altra. I personaggi quasi non esistono e i dialoghi sono al limite dell'insignificante perché è l'idea che vince. Tarantino ha fatto un film basato sull'idea, sembra dire: questo è quello che intendo io per vendetta, voglio farvi vedere cosa è la vendetta, darvi immagini così elementari, quasi asettiche, che facciano passare il concetto nella maniera più chiara. Forse chi si è seduto sulle poltrone del cinema e si aspettava di veder continuare un filone è rimasto deluso, ma chi si è seduto con il solo gusto di vedere che cosa ci proponeva questa volta il buon Quentin è rimasto stupefatto. La vendetta non è solo in tutto il film, è in ogni fotogramma, in ogni azione, in tutti i dialoghi, anche quelli che escono dal presente della storia narrata. Splendido l'accenno alla paura della protagonista, commovente la tutina simil-Bruce Lee ed i richiami alla cultura cinese della vendetta (quelli della serie uno contro cento). Per non parlare di Hanzoooooooo! Gli ho ordinato una spada, so cazzi vostri...

 

venerdì 31.10.2003 14:37:47
Marcone (alias Ettore Manzo): Sono in pizzeria e sto masticando avidamente un trancio di focaccia unta in attesa di raggiungere il cinema adiacente per visionare Kill Bill, l'ultima fatica di Tarantino già amipamente celebrata come capolavoro indiscusso e indiscutibile. Pago. La padrona, in vena di confidenze, si rivolge a me chiedendomi quale film sto andando a vedere e, senza darmi neanche il tempo di rispondere: "No, perché 'Prima ti sposo e poi ti rovino' è il film più stupido che abbia mai visto". Dentro di me penso: "Cavolo però, non l'ho visto, ma in finale stiamo parlando pur sempre dei fratelli Coen" ma a lei rispondo con un sorriso e malcelata soddisfazione che il mio obiettivo serale è 'Kill Bill' di Tarantino. "Ah, bello quello... non l'ho visto, ma mi hanno detto che è molto bello" mi fa eco con aria competente. Rimango perplesso. Mi sento confuso. Esco. Parlare di film 'di genere' e di Quentin Tarantino dovrebbe essere una contraddizione in termini se si ripercorre la sua filmografia. Tarantino ha fatto grandi, grandissimi film che, proprio in virtù di un grande spessore artistico e tecnico, non possono certo essere definiti 'di genere', anche se dalla cultura pulp (in senso molto lato) hanno attinto a piene mani. Grandi film che partono dal basso per arricchirsi e diventare 'altro'. Questa volta Tarantino, dichiarandolo apertamente, ha voluto fare un vero e proprio film 'di genere' e ha forse fallito. Quello che posso dire con certezza è che Kill Bill è strabordante di citazioni (di un cineama ai più assolutamente sconosciuto), è scarno, personaggi tagliati con l'accetta, ricco d'azione (combattimenti gore e mutilazioni coi controcazzi), povero di dialoghi. Bè, come un vero film 'di genere', direte voi. Eh no! Perché Kill Bill non è abbastanza 'puzzone' per essere un film 'di genere'. E' curato all'inverosimile dal punto di vista estetico, patinato, senz'anima. E non sto parlando di contenuti quando parlo di anima, ma di pura e semplice passione. E' tutto troppo perfetto, didascalico per essere riconoscibile o riconducibile da chi i film 'di genere' li conosce abbastanza ad un film 'di genere'. Kill Bill, tra tutti i film da cui prende spunto, risulta essere il fratellone intelligente, belloccio, grande promessa del Football. Ma allora Tarantino ha fallito davvero? Non lo so, non riesco bene a capirlo. Troppe contraddizioni. Come in quella pizzeria.

 

venerdì 31.10.2003 14:02:07
Saggio: E vabbè, dai, Taranta Quenta ha partorito un prodotto che dal punto di vista della regia... che gli vuoi dire? E non gli si può neppure obiettare che ha cambiato modo di girare... perché se ci impegnamo troviamo in KillBill alcune sue caratteristiche (l'andamento non cronologico della pellicola, il grottesco di alcune situazioni tipo il primo scontro fisico del film, la colonna sonora...). E sono d'accordo con Fabbione su un punto: l'anima! Già, dov'è? Forse nel secondo capitolo? A proposito, boccio l'esperimento... erano più gagliarde quattro ore di proiezione! O magari l'anima del film è soltanto un'icona? Mi riferisco a Uma che fuma... In un intervista, Gino Quentino ha detto che già durante le riprese di Pulp Fiction aveva in testa Uma la piuma mentre uccideva il perfido Bill... e diciamo pure che nel primo episodio di FrillBillGill assistiamo ad una maiuscola interpretazione dell'attrice, messa in risalto da una regia molto dedicata... Comunque... detto questo, sfodero un mio vecchio motto: "Per giudicare bisogna vedere come va a finire"... mai sentito prima, vero? Giaggià, che cranio che sono! E il secondo motto è: "Non dobbiamo giudicare tenendo a mente le pellicole precedenti!"... in quanto ogni film è a sé... Detto ciò... ci rivediamo a Febbraio. Un saluto a Ettore Manzo, cugino di Hatori Hanzo! Belle Manze!

 

venerdì 31.10.2003 12:10:29
Pigi: Ciao a tutti, volevo darvi un brutta notizia, se gia' non la sapete, visto che risale alla settimana scorsa: e' morto (dicono) suicida Elliot Smith! R.I.P.

PS. Grazie a Fabbione per la bella recensione su Bill Kill/Kill Bill Rockabilly Bill Kill o come cavolo si chiama. Spero di andare a vederlo al piu' presto.

 

giovedì 30.10.2003 17:33:33
Fabio Di Cesidio (cugino di primo grado di Antonio Hinoki): Mi pare chiaro che gradirei un vostro commento su Bill Kill/Kill Bill Rockabilly Bill. Kill. Taglienticose.

 

giovedì 30.10.2003 17:02:00
Fabbione (amico stretto di Hattori Hanzo) ragiona su Kill Bill volume 1: Grazie Tarantin Quentino! Un ringraziamento anche al mitico cinema Broadway, l'ultima delle oasi periferiche di Roma il cui biglietto - di mercoledì - resiste ancora al prezzo di 4 euro (8 sacchi nel vecchio conteggio monetario). Tornando a (San)Quentino, tanto di cappello per la maestria mescolata al genio con cui manovri l'MdP. Nulla da eccepire, per cui il film naviga su alti livelli. Però, come in tutte le storie più belle, c'è un però... Ho assistito in religioso silenzio al mirabolante polpettone condito di arti marziali, spaghetti western, horror movies e splatter. L'unica spezia ad esserti sfuggita tuttavia, sembra proprio l'ANIMA del film che non capisco dove risieda. Sì, bellissimo tutto, gonfiato di simboli, allegorie e pieno zeppo di rimandi, apprezzabile la tua passione per il nostro cinema di genere e ineguagliabile il feticismo che nutri in pellicole che guardano verso oriente, però boh, manca d'anima e forse anche d'umiltà. Tutto troppo impeccabile, patinato, studiato a tavolino, pronto per non smentire la tua 'maniacalità' nell'atto di dar vita a un progetto e quindi non deludere lo spettatore. Pare tu ti sia preoccupato solo di questo... l'esatto contrario di quei filmetti a cui ti rifai: spezzettati, ambigui, prevedibili eppur geniali. Sai, poi c'è un'altra cosa. Io sono un amante proprio di quelle pellicole antiche e so bene da dove hai attinto, rimescolando a modo tuo le carte. Però non riesco a valutare il tuo film come una pietra di paragone per un ipotetico nuovo genere; sarebbe più appropriato parlare di "compendio". Non so, ma se voglio vedermi schizzi di emoglobina come si deve preferisco ancora eccitarmi con Peter Jackson, se voglio fomentarmi con un po' di calci e pugni in bocca preferisco i vecchi Kung-fu movie di Lee e nel caso di sparatorie senza eguali rifarmi al cinema di John Woo (con quei suoi rallenty da paura) oppure se devo assistere a scene di lotta (appena ostentate nel tuo film) che oltrepassano la forza di gravità come la conosciamo noi, allora preferisco le movenze impossibili di un Matrix. Ripeto, ottimo film, partorito da uno dei geniacci del secolo, tuttavia resta sempre in sospeso quel però... Da stamattina prego che Kill Bill parte seconda dia una raddrizzata al tutto, condendolo di quelle spezie mancanti, secondo me fondamentali. (Riguardatevi Desperado e Dal Tramonto all'Alba del suo caro amico/collega Robert Rodriguez, anch'essi volti a mostrare un rimescolamento di generi... film puzzoni se confrontati alla tecnica del primo della classe Quentino, ma piacevoli proprio perché trasudano vera passione, divertimento e nulla più. In Kill Bill ci vedo tanto passione quanto maniera... un pochino troppa.). Bellecose.

 

martedì 7.10.2003 21:53:12
danielsan: Perdona l'ignoranza, ma la canzone "Sei mejo te" è dei Prophilax? Perché non l'ho vista ed era la prima in cima alla lista dei miei desideri.

 

martedì 7.10.2003 16:46:31
Fabbione: Dopo esserci copiati fino all'impossibile le loro musicassette (di una qualità sonora mortificante), dopo aver cercato invano alcuni pezzi storici della band, finalmente i Prophilax sdoganano gratis tutto il loro repertorio musicale. Approfittatene cazzo e lasciatevi cullare da perle intramontabili quali Dora daccela ancora, Sirvano, Alice nel paese dei cazzi, Atac di merda e le parti recitate tra un pezzo e l'altro!

 

giovedì 17.7.2003 18:02:09
Fabbione: Vi racconto un paio di simpatici episodi accaduti ieri sera alla manifestazione romana del Fiesta. Per introdurre il primo dei due accadimenti, è necessario ricordare che intorno alle ore 22:30 il palco si è illuminato di tutto punto per dare il LA al concerto del Banco Del Mutuo Soccorso. Io, come di consueto, ero di servizio ai cancelli intento a strappare i tagliandi d'entrata. Sui biglietti era vergata a inchiostro la data dell'evento e il rispettivo nome della band in programma. Ho subito pensato che per molti nostalgici del Banco, quei cartoncini potevano avere un significato tutto particolare da conservare con affetto. E infatti non mi sbagliavo. Tra la massa di teste in fila per entrare, coloro che tenevano al tagliando quanto le loro palle (o le loro patate in caso di fanciulle), saltavano immediatamente all'occhio. Te li vedevi che si avvicinavano con discrezione trattenendo il fiato e fissando a occhi sbarrati il biglietto che passava tra le mie piccole mani da prestigiatore. Io con enfasi piegavo il quadratino cartaceo che sarebbe rimasto a me facendo leva sulla linea tratteggiata e poi con una velocità da maestro navigato eseguivo uno strappo certosino. Ed era proprio in quella frazione di secondo che i fiati di quei ragazzi smettevano l'apnea sfiatando aria da tutti i pori e mi fissavano con timida gioia confidandomi…"Grazie! Questo biglietto lo vorrei conservare per ricordo…" ed io a rispondere, con finta inconsapevolezza tipica del buttafuori "Vai tranquillo… bellecose…". Secondo episodio, senza dubbio più divertente. Le guardie! Dovete sapere che l'ingresso è gratuito solo per gli ufficiali di alcune categorie di Stato, tipo finanza, tributaria, carabinieri e pochi altri. Ma ai semplici poliziotti la gabola non funge, debbono pagare il biglietto come ogni ordinaria persona. E non potete immaginare quanto la cosa faccia rodere il culo a 'sti tipi tutti impettiti. Mi sputavano in faccia disprezzo e superiorità, uno addirittura mi ha detto, a metà di un discorso pregno di cazzate che cadevano nel vuoto, che doveva entrare a tutti i costi col suo compagno per eseguire dei controlli (di che cosa poi lo sapeva solo lui). Peccato che gli ho fatto notare che il suo abbigliamento da pariolino strideva antipaticamente con la credibilità delle sue inutili parole. Alla fine ha pagato il biglietto come un cittadino modello e una volta davanti a miei occhi mi ha apostrofato… "Sei contento adesso?" "Hai voglia!" ho risposto io, facendoli passare e aggiungendo "Prego… e buona serata…". Quindi attenzione, le guardie restano fuori, come i cani. Solo che questi ultimi a un certo punto possono pure entrare indisturbati, mentre i tutori della legge debbono pagare sedici pappardelle delle vecchie amate lire! Bellecose.

 

giovedì 26.6.2003 13:44:09
Marcone: Martedì, ore 22 e 40 circa, a Villa Gordiani sulla Prenestina (in Roma) iniziano il loro spettacolo i GANG, storico gruppo 'combattente' dei fratelli Severini. Il pubblico è modesto, sia come numero che come entusiasmo (molti se ne stanno comodamente spaparanzati su sedie di plastica) qualcuno addirittura si lamenta delle persone in piedi sotto al palco (tra le quali ci siamo noi) o del fatto che non si sente bene la voce del cantante. Ma nonostante tutto i GANG regalano una stupenda performance, cercando di coinvolgere, di trasmettere passione. Una generosità autentica mai riscontrata nella mia comunque esigua esperienza di eventi 'live' in nessun'altra band. Tanto di cappello e massimo rispetto ai GANG. Esaltante, almeno per me, il momento in cui sono stati fatti salire sul palco Sigaro e Scopa, due membri della Banda Bassotti (altro gruppo 'barricadero' a cui sono molto legato). Hanno improvvisato un 'Bella Ciao' ed è stata la sola canzone (data la popolarità) cantata pressochè da tutto il pubblico. Non è mancata anche una parentesi bizzarra. Un tizio un po' sopra le righe che, forse indispettito da alcune dichiarazioni forti del Severini cantante sul sindaco di Roma Veltroni o da chissà cos'altro, durante una pausa si è impossessato del microfono biascicando qualche frase incomprensibile e chiudendo l'intervento con una sonora e, stavolta comprensibilissima, bestemmia. Insomma, esperienza bellissima e grandissima stima per un gruppo cazzuto e motivato come i GANG. Non credo che mancherò al loro prossimo concerto.

 

mercoledì 25.6.2003 16:20:20
Fabbione: E' da stamattina che lascio scorrere sul mio lettore STORIE D'ITALIA dei GANG. Forse sarà un tentativo per riprodurre l'atmosfera d'intimità e di passione che ieri il gruppo marchigiano ci ha regalato. In gran forma i Severini brothers, così come gli altri componenti del gruppo. Il pubblico non era numerosissimo e a dir la verità la folla era disseminata lungo tutto il perimetro del campo dov'era allestito il palco, ma noi ci siamo piantati sotto il palco ed è stata pura ammirazione estatica e massimo rispetto. Insomma, sembrava di stare in una tavolata con gli amici più cari. A un certo punto ha raggiunto il palco anche qualche componente della Banda Bassotti: romanissimi come sempre hanno improvvisato un pezzo tutt'insieme. Per concludere, il maggiore dei fratelli ha domandato al pubblico chi fosse in Italia il più grande pezzo di merda al potere... Fate voi, noi ci abbiamo messo un attimo a rispondere. Buone cose a tutti.

 

lunedì 9.6.2003 17:26:05
Fabbione: Mese nuovo vita nuova! Abbiamo nuovamente cambiato questo strumento di comunicazione, che vede scalzato senza remore il mitico MarCommenter 1.0 di Marcone per lasciar posto al supertecnologico ZeuseCommenter v.0.13 di Danielone McKeats. I nuovi messaggi verranno investiti da un'ondata di colore una volta grigio e una volta rosa. Belle cose.

 

 

Marcone
25/05/2003 12:23
Domani a Roma presso il cinema Savoy, come ogni anno, inizierà il mitico FANTAFESTIVAL. Retrospettiva su Mario Bava, anteprima del film PAURA.COM che sta colonizzando il web e le nostre città con valanghe di pubblicità (si prospettano grasse risate in sala). E la volete sapere una bella cosa: proietteranno anche THE EYE. Fabbione, Robertona, il sottoscritto e probabilmente Danielone McKeats e Danielsan si aggireranno domani per le sale del Savoy. A tutti gli amici romani estimatori di questo sito un invito a non mancare. FANTAFESTIVAL Rulez!!!

Marcone
23/05/2003 12:01
Caro William Friedkin, gli estimatori del cinema horror ti sono tutti vicini in questo momento. Da quando hanno paragonato il film THE EYE al tuo capolavoro (L'ESORCISTA) si dice che hai bruciato la tua cinepresa, preso a schiaffi una decina di produttori a caso e scritto su molti muri ABBASSO I FRATELLI PANG (e viva le canzoni dei GANG!). A te che amavi l'estetica delle immagini, la perfezione di ogni inquadratura non può proprio essere andato giù un film che fa della regia un becero strumento servile al più trito e prevedibile dei colpacci di scena (quelli che fanno saltare sulle poltrone solo ed esclusivamente per il volume spropositato della musica). Una bestemmia paragonare le due pellicole, più grande e blasfema, più insostenibile e disturbante del: "fatti chiavare da gesù cristo!" urlato rabbiosamente dalla piccola Regan (con tanto di crocefisso in mano) nel tuo intramontabile film. Altri tempi. E citando un grande personaggio di un film (purtroppo poco noto) che si intitola IL CARICATORE mi permetto di dire, anzi, di urlare che "...il cinema è un'altra cosa!!!" Caro William, tieni duro e grazie di esistere. A tutti vorrei lasciare solo questo piccolo monito: L'OCCHIO non vedi, cuore non duole! Tante care cose.

Fabbione
12/05/2003 16:00
Magico Rich, senti che mi hai ricordato!!! Le lacrime di coccodrillo a Milano. Per festeggiare l'importanza di quell'evento storico, sono andato a ripescare una mail di quel periodo, rivolta ad Elena (l'amica di Fabiano che ci ha ospitato a casa sua l'anno dopo in occasione di un'altra trasferta, ovviamente persa). Manco a dirlo che abbiamo beccato per 3 reti a 2. La prima parte cominciava con queste parole: "Anatomia del lacrimogeno. Prodotto che, disperso nell'aria, viene a contatto con gli occhi provocandone irritazione e conseguente lacrimazione. Fino a qui nulla di nuovo. Se un ipotetico curioso di turno avesse voluto incrementare le proprie conoscenze nel campo dell'artiglieria gassosa, certamente sarebbe rimasto deluso e quantomai perplesso dalla descrizione composta dal sottoscritto. Ebbene lo accontento immediatamente. Faccio nomi e cognomi e guai a chi mi ferma. Cloropricina, Cloroacetofenone, Cianuro di Bromobenzile, ecco i responsabili della lacrimazione di massa avvenuta sugli spalti del Meazza di Milano. Non ho mai prodotto così tante lacrime, nenche quando sono stato mollato dalle mie poche donne, anche il mio naso ha cominciato a piangere, ho chiuso gli occhi e mi sono lasciato trasportare... Avevo una tenaglia di carne stretta intorno al mio bicipite. Era uno degli amici di Fabiano (arpionato a me e con gli occhi chiusi) di cui puntualmente non ricordo il nome. In quegli attimi di buio vero, di misticismo condiviso, di quell'abbraccio globale con gente mai vista, c'è chi ha giurato di aver visto la madunina in carne e ossa. Pensa te, il potere dei lacrimogeni. Ah, mi rivolgo al curioso di prima. Esistono due rimedi per risolvere il problema. Il primo è quello di non andare più allo stadio e affondare comodamente nella poltrona di casetta propria, il secondo è munirsi di opportuni occhialini da nuoto onde evitare quelle infami di reazioni chimiche. Il primo consiglio proviene fresco fresco dalla mia brutta esperienza, il secondo è tratto dall'enciclopedia universale Fabbri. Bene, ora che ho superato con esito positivo anche questa dura vicenda, non mi resta che provare l'angosciante sensazione regalata dalle gelide manette delle guardie (infami), le duecento lire in testa scagliate da mezzo chilometro di distanza e la lama affilata d'un coltello inserita nel mio caldo ventre dal mariuolo cui nulla ha da perdere. Staremo a vedere."

Riccardino
12/05/2003 15:17
bella Fabbio te ricordi di me??? so l' amico de Fabiano... quando se semo fatti la trasferta della Roma a Milano e il lacrimogeno non ci dava tregua!!! sei pronto a ripartire? il sito e' figo, Very Compliments.

Marcone
01/05/2003 13:31
Un appesantito Richard Benson ha performato alla grande nonostante una valanga di insulti piovuti dal pubblico del Qube (forse ancora influenzato dalla presenza dei Prophilax la settimana scorsa). Da segnalare comunque frasi del tipo: Richard io ti odio! Raccontace di quando hai menato al Papa! Levate lo scoiattolo (riferito alla sua posticcia capigliatura)! Borcio (in romano= grassone)! Si ringrazia l'inossidabile Fabbione per aver accuratamente ripreso l'evento con telecamera digitale (c'è veramente materiale per ridere!). Per quanto riguarda i Punkreas, sebbene un pubblico fomentato pogasse senza alcun criterio, ma con gusto, la prestazione, a causa del limitatissimo spazio messo loro a disposizione e dell'acustica pessima, è stata di medio livello. Da segnalare comunque quando ad un certo punto il cantante dei Punkreas ha detto ai mastini del servizio d'ordine di stare più tranquilli e di essere meno violenti con i ragazzi in platea; e i muscolosi difensori dell'ordine hanno rosicato non poco. Nice Things to everybody (belle cose a tutti)!

Fabbione
29/04/2003 20:09
Altro che prosciutto... qui ci stanno dissetando con un bel pezzo di cazzo! La normativa è entrata in vigore in tutta Europa, ma nel cartello non è indicato un aumento di prezzi di nessun tipo. In pratica solo in Italia la Siae si è inventata questa stronzata del rincaro. Più che altro vorrei sapere una cosa. Mettiamo un Tonino Pisino miracolosamente approdato in una Major, la stessa che ospita gente del calibro del Boss. Bene, come fa la Siae a stabilire quanti dischi hanno copiato di Springsteen e quanti di Pisino per fare in modo poi di risarcirli? Io sono straconvinto che questi soldi se l'intasca la Siae e il governo delle mie palle. Anche perché, vi siete mai chiesti come mai un semplice disco verginello CD-R costa(va) meno di uno Audio? Vi credete che quello Audio vergine è meglio? Manco per niente, sono identici, solo che la Siae li aveva aumentati già a suo tempo (in silenzio) proprio perché il disco Audio è direttamente coinvolto con la musica. E per tutto questo tempo? Diciamo tre anni, vi risulta che gli artisti siano stati ripagati dai proventi raccolti dalla Siae? Fanculo a tutti. E comunque belle cose.

Marcone
29/04/2003 13:05
Ebbene sì, i cd vergini (belli pronti per essere profanati dal sublime rito della masterizzazione) aumentano e così le sanzioni (penali oltre che pecuniarie) nei confronti di chi si faccia trovare in possesso di copie illegali... stanno cercando di dissetarsi col prosciutto... la gente non compra più cd a prezzi spropositati (dovuti per una consistente parte ai diritti d'autore) e loro aumentano le tassazioni proprio in nome dei diritti d'autore (che menti!!!). Proibizionismo in piena regola... e, si sa, a sguazzarci sarà il mercato nero. VIVA IL COPYLEFT!!!

 

Saggio
28/04/2003 17:33
E qui la faccenda si fa dura... apprendo or ora che è in atto una subdola tassazione dei cd... con conseguente aumento dei prezzi! Poi dici che l'aria si incattivisce... qui va a finire che il cd vergine non me lo vado più a comprare al negozio, ma direttamente sui banchi napoletani dei venditori ambulanti! Qui ragazzi c'è da inventare un sistema per boicottare il sistema! Fanno come je pare? Bene, pure noi! Innalzate la bandiera del "non ti regalo un cazzo" e a tutta forza contro questi figli di...

Marcone
28/04/2003 12:39
Che invidia andare a scuola, con in tasca una pistola... che scivoli dal fianco e che s'infili sotto al banco... nell'ora d'intervallo provocare un bel macello... altro che merendine lì si spara sul bidello. Gli eroi son Topolino, con Pippo e L'Uomo Ragno, ma il mito è l'Ispettore, la 44 Magnum... EVVIVA I PUNKREAS!!! Anestetizzato dalla N.A.T.O. mi sento sollevato, ma rischio di confondermi tra profugo e immigrato. Se del lavavetri faccio volentieri senza, il profugo lo accetto perché lava la coscienza. E ANCORA... Dal mattino e fino alla sera... Disonora lo Stato e brucia la bandiera!

Fabbione
24/04/2003 15:41
Ormai ci siamo! Ecco a voi un altro tassello di presa per il culo rivolta al consumatore. Dopo tanto vociare, pare che la faccenda sia a un punto di svolta. Notiziole ricavate in giro. ROMA. Masterizzare cd sarà più costoso (i dischetti vergini saranno più cari) e anche più pericoloso perché chi violerà i dispositivi anticopia potrà incorrere in sanzioni penali. Dal 29 aprile infatti entra in vigore il decreto legislativo n°68/2003 che recepisce la Direttiva CE 29/2001 meglio conosciuta come Eudc (European Union Copyright Directive), volto a proteggere tutte le opere rientranti nella tutela del diritto d'autore dalle composizioni musicali al software. Cosa succede: i produttori italiani, come quelli degli altri Stati membri dell'Unione, devono dotarsi di misure tecnologiche di protezione del copyright, i cosiddetti dispositivi anticopia. La nuova normativa prevede pesanti sanzioni sia amministrative che penali per chi commercia cd pirata. Rimane salda (nell'articolo 9) la legittimità della copia privata per uso personale ma senza aggirare i sistemi anticopia, cosa che però è molto facile che succeda. Per questo diventano più cari i supporti vergini: la tassa sui cd audio passa da 0,08 euro a 0,29 euro, sui cd dati passa da 0,05 euro a 0,23 euro, sulle videocassette da 0,06 euro a 0,29. Viene anche introdotta una tassa su videoregistratori e masterizzatori in ragione del 3% del loro prezzo di listino. (23 APRILE 2003)

Danielone
14/04/2003 20:57
Io volevo solo dire che gli Afterhours... BAH!!

Cristina
06/04/2003 00:39
Anche se il sito è popolato qua e là da personaggi un po' inquietanti, devo dire che è molto interessante e, visto che si tratta di un sito musicale, vorrei anche io lasciare il mio apprezzamento per i mitici Afterhours. Un bacione a tutti

marcone
26/03/2003 16:51
Stavolta Fabbione si è superato con la geniale idea della SAGRA del DISCO PROTETTO (da sproteggere!). Boicottiamo le case discografiche che boicottano la musica. E chiaramente... venite a trovarci a REBIBBIA (sarebbe gradita una limetta nascosta tra le arance). Viva la musica LIBERA e INDIPENDENTE!!!

Fabbione
17/03/2003 15:06
Il Saggio è un discorso a parte... in esso sono racchiusi tutti i nomi di questo mondo (sempre più alla deriva)... Malgrado tutto forza e grinta! Gli album incredibili del 2002? Sicuramente i Black Heart Procession, Beck ed i Notwist. In ambito italico, senza dubbio Afterhours (spettacolare), Marcello Murru (da conoscerlo di persona) e Mercanti di Liquore (sublimi). Naturalmente questo è solo un abbozzo della playlist 2002. Belle cose.

Danielone
17/03/2003 11:58
Marcone, Fabbione, Claudione, Danielone... ma il Saggio non dovrebbe essere il Saggione?

Sal Paradise
28/02/2003 17:25
Ragazzi ma non potete ampliare un po' di piu' lo spazio di lettura di MarCommenter, si fa una fatica negra nello scorrere tutti i messaggi

ER MARIO (b-line underground / pumpkin flowers)
20/02/2003 15:13
bella fabbiò io direi ch'è ora di dare spazio a qualche bel gruppetto italiano, di quelli che stanno uscendo adesso e che meritano davvero attenzione, vedi MAMBASSA... bella per tutti.